Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca Corciano

Pennelli e vernici nascoste nella borsa, due donne sotto processo per furto

Le borse erano foderata di stagnola per non far scattare l'allarme antitaccheggio

Da “art attack” a processo per furto in un attimo. Il bricolage, o la’rte di fare da sé per divertirsi o risparmiare. In questo caso si tratta del secondo, ma non solo per risparmiare sull’artigiano, ma anche sulle materie prime. Così due donne sono finite sotto processo per furto, avendo tentato di portar via da un negozio di bricolage e fai da te della merce senza pagare.

Le due imputate, difese dagli avvocati Saschia Soli e Gian Gabriele Binaglia, sono finite sotto processo con l’accusa di furto “perché in concorso tra al fine di trarne profitto, si impossessavano di 3 vernici decorative e 4 pennelli, per un importo complessivo di 126,63 euro, sottraendo la predetta merce dalle scaffalature di un esercizio commerciale specializzato in ferramenta, bricolage e fai da te.

Entrate nell’esercizio commerciale a Corciano, secondo la Procura di Perugia, avrebbero infilato i barattoli di vernice nelle borsette, che erano state foderate con la carta stagnola per non far scattare l’allarme del sistema di antitaccheggio. I dipendenti del negozio, però, avevano visto le due donne aggirarsi tra gli scaffali e le avevano tenute d’occhio. E quando erano arrivate alla cassa avevano chiesto alle due di poter vedere le borse ed era saltata fuori la merce.

Il furto è avvenuto il 18 settembre del 2016.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pennelli e vernici nascoste nella borsa, due donne sotto processo per furto
PerugiaToday è in caricamento