menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, in due a spasso con il cane, un gruppetto di amici per la via, zero distanze di sicurezza

E tutto questo quando infuria la pandemia e in Umbria ben 13 persone sono morte. Il contagio ringrazia e avanza

Ben 13 morti, oltre 400 contagiati, un migliaio quelli in isolamento a rischio infenzione. Questo solo in Umbria e il picco non è per nulla arrivato come si ipotizzava. Nonostante informazioni, bollettini, inviti, pesanti denunce e un migliaio di controlli, c'è ancora chi continua come se nulla fosse e alimentando, indirettamente, quel contagio drammatico che sta uccidendo vite e ogni giorno che passa l'economia di una regione. I denunciati nelle ultime 48 ore solo a Perugia sfiorano quota 100. C'è un po' di tutto - da quanto raccolto dalla polizia municipale e forze dell'ordine - ai furbetti della spesa, a chi si sposta in auto per fare una passeggiata, a chi continua a ritrovarsi all'esterno insieme a qualche amico e a chi va a caccia della dose giornaliera di droga. Ma non sono solo giovani e stranieri.

centro-perugia-2-2Ci sono nonni annoiati, casalinghe con tanto di seguito che non rinunciano a scegliere il proprio supermercato sulla base delle offerte e non della vicinanza del locale (andando anche fuori comune). Chi addirittura va a comprare i dolci perchè è ospite a casa di parenti e amici. C'è di tutto e di più. Tutto questo mentre medici, infermieri, oss, sindaci, volontari, lavoratori di servizi essenziali lottano in prima linea contro un nemico invisibile che uccide, senza fare distinzioni di età, reddito e colore politico.

Tanti cittadini virtuosi e poi la devianza. Le foto che vi mostriamo - inviate da alcuni lettori - parlano chiaro di certi comportamenti. Le forze dell'ordine non possono essere ovunque e non possono fare miracoli. Molto dipendende dal nostro buonsenso e dal nostro rispetto vergli altri. Le foto documentano una tranquilla coppia che va a spasso con il cane (bisogna andarci da solo e per un breve tragitto), un gruppetto di persone che chiacchiera amorevolmente in strada. Altri che passeggiano senza distanza di sicurezza.

centro-perugia-3-2Tutti rigorosamente senza neanche un minimo di protezione personale - guanti e mascherina -. Non importa che si tratti di una minoranza. Un contagiato infetta in media altre 4-5 persone. E' una catena che va interrotta. Prima finisce, prima si riprende una vita norma e si cercherà di ricucire rapporti sociali e ridare fiato e speranza ad un territorio. Ma ora l'unica grande urgenza è quella di salvare la propria pelle e quella di chi ci sta vicino. Andando in giro o facendo lavori domestici pesanti si rischiano incidenti e questo vuol dire ricorrere alle cure mediche degll'Ospedale, impegnando altre risorse e personale che invece servono, ora come ora, a tutelare chi ha il coronavirus, chi ha patologie gravi e chi ha subito un infarto o un ictus. #restateacasa 
 

trasgressori-perugia-3

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento