menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Perugia puoi rubare il parcheggio ai disabili senza beccarti una multa: adesso basta

Nelle aree private i vigili urbani non posso intervenire: manca l'ordinanza del sindaco. Scatta l'ordine del giorno del Pd in Comune

Dove non arriva la civiltà ci pensa una bella ordinanza del sindaco. Il problema, però, è che l’ordinanza in questione non c’è. E allora i vigili urbani non possono intervenire nelle aree private per evitare che i soliti furbacchioni rubino i parcheggi riservati ai disabili. Come a dire: Perugia non è una città per disabili.

E questa, a scanso di equivoci, è una pessima notizia. Così il gruppo del Pd in Comune corre ai ripari e fa scrivere un ordine del giorno ai consiglieri Tommaso Bori, Sarah Bistocchi, Alessandra Vezzosi e al capogruppo Diego Mencaroni. Perché non è solo una questione di parcheggi. E allora il poker democratico chiede a sindaco e giunta “di riferire in Commissione ed in Consiglio sull’attuazione della delibera sul "Dopo di noi" e sulle azioni messe in campo dal Comune di Perugia, dopo più di un anno dall’approvazione all’unanimità e sullo stato di avanzamento dei lavori del Comune di Perugia per l’istituzione della fondazione per il sostegno delle persone affette da malattie psichiatriche, come approvato dal Consiglio Comunale”.


In più, giusto perché è una questione di civiltà (e i patti senza spada sono solo parole), “si impegna sindaco e giunta ad emettere un’apposita ordinanza per consentire alle forze dell’ordine di intervenire in tutte le aree private nel caso in cui i posti riservati ai disabili vengano occupati abusivamente”. Il tutto, ed è il terzo punto, senza dimenticare “di sviluppare il progetto “Sensible City” nella nostra città coinvolgendo le altre istituzioni locali ed universitarie, le associazioni di disabili, i ricercatori, gli educatori, gli insegnanti, i medici, i fisiatri, gli ingegneri e gli architetti istituendo un tavolo di lavoro e confronto tra le parti. Occasione da non perdere sono i fondi europei, nazionali e regionali disponibili per milioni di euro rispetto a queste progettualità, in particolare per l’Agenda Urbana per la città di Perugia”. Come dicono i Navy Seal statunitensi, “nessuno resta indietro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Umbria, sanità in lutto: è morto il dottor Giulio Tazza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento