menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Città di Castello, ucciso da un'overdose di eroina: presi i due spacciatori-killer

Braccati e stanati dai carabinieri i due pusher che una dose letale provocarono la morte di Simone Carobbi, trovato in casa senza più vita dai suo familiari

Il 10 luglio 2014 Simone Carobbi, un 44enne di Città di Castello, morì a causa di un’overdose da eroina. I familiari trovarono il suo corpo ormai privo di vita in casa. La corsa del 118 fu inutile.

I carabinieri si misero immediatamente a caccia dei killer. Le indagini condotte nei mesi successivi al decesso, fatte di interrogatori, testimonianze e pedinamenti, hanno permesso ai militari di individuare due cittadini tunisini di 46 e 34 anni, da tempo residenti a Città di Castello, con regolare permesso di soggiorno ma gravati da numerosi precedenti di Polizia, in particolare per reati connessi allo spaccio di stupefacenti. In particolare è emerso che A.C.B., di 46 anni, era un fornitore abituale del Carobbi. Vendeva eroina di scarsissima qualità, tanto che in diverse occasioni l’italiano si era sentito male dopo averla assunta. Il 34enne M.W., invece, sostituiva il “collega” spacciatore quando questi era impossibilitato. Secondo l’ipotesi investigativa sarebbe stato proprio lui, tra l’altro sottoposto alla sorveglianza speciale, a vendere la dose poi risultata fatale. La Procura ha quindi chiesto e ottenuto dal Gip un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per i due.

Sabato scorso, 14 marzo, i carabinieri hanno stanato gli spacciatori. A.C.B. è stato individuato e tratto in arresto per le vie di Città di Castello, mentre ad M.W. l’ordinanza è stata notificata nel carcere di Terni dove si trovava già ristretto da alcuni mesi per un precedente arresto.

Le accuse sono, a vario titolo, spaccio di stupefacenti continuato, lesioni personali, omicidio colposo, morte come conseguenza di altro reato e violazione delle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento