Cronaca

Coronavirus, per la Cgil contagi a catena alle Opere Pie Donini. "Subito incontro con la direzione"

La denuncia del maggiore sindacato dei pensionati che chiedono di conoscere l'entità del focolaio in atto nella struttura

Il Coronavirus, con le sue forti varianti in forte espansione, sta colpendo ancora forte sulle residente protette e le case di cura per anziani. Lo Spi Cgil ha lanciato un allarme sulla difficile situazione, a loro, dire della residenza protetta Opere Pie Donini di Perugia. "Ci sarebbero una decina di positivi ed altri trasferiti negli ospedali, in alcuni casi con situazioni molto gravi. Anche il personale risulterebbe contagiato al 50%": hanno affermato dal sindaco utilizzando però il condizionale e senza citare fonti dirette.

Per fare chiarezza lo Spi Cgil di Perugia ha chiesto un urgente incontro al presidente delle Opere Pie Donini e al direttore generale della azienda USL Umbria 1. "Vogliamo capire la situazione e chiedere che vengano messe in atto tutte le azioni necessarie a tutelare gli anziani”: hanno  ribadito Luciano Campani, segretario della lega Spi Cgil Perugia-Corciano-Torgiano, e Mario Bravi, segretario provinciale dello Spi Cgil di Perugia. "Serve accelerare la campagna di vaccinazione, renderla accessibile a tutti e per quanto riguardo gli anziani nelle Rsa mettere in campo tutte le iniziative necessarie - concludono Campani e Bravi - Per questo è fondamentale riattivare il confronto anche con i sindacati dei pensionati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, per la Cgil contagi a catena alle Opere Pie Donini. "Subito incontro con la direzione"

PerugiaToday è in caricamento