Lunedì, 22 Luglio 2024
Cronaca

Cattedrale San Lorenzo, veglia di preghiera per la Pace in Ucraina. Vescovo: "Il lupo della guerra può essere addomesticato, ma non con la violenza"”

Una cattedrale, quella di San Lorenzo di Perugia, completamente gremita e piena di giovani che hanno accolto l’invito del Charis, il Rinnovamento carismatico cattolico, a partecipare alla Veglia di preghiera per la pace in Ucraina e in tutte le aree del mondo in guerra. Una veglia che a Perugia è iniziata con la celebrazione della messa, seguita dall’adorazione eucaristica meditata e conclusa con la supplica davanti all’icona della venerata Madonna delle Grazie. «È bello ed è doveroso pregare per la pace»: con queste parole l’arcivescovo monsignor Ivan Maffeis ha salutato i numerosi fedeli presenti in Cattedrale. 

Conseguenze anche a Perugia 
«Oltre che sulle popolazioni stremate dalla violenza e dalla morte - ha ricordato mons. Maffeis all’omelia - , la mancanza di pace sta portando le sue conseguenze su tutti, anche sulla nostra comunità diocesana, in termini di preoccupazione, di tensioni sociali, di impoverimento, di crisi alimentare con prezzi e logiche speculative che a tanti rendono difficile se non impossibile l’accesso a beni primari».

La forza non costruisce la pace
«Questa sera, in comunione con tante altre Comunità che hanno aderito all’iniziativa promossa dal Rinnovamento carismatico cattolico - ha proseguito l’arcivescovo - , ci ritroviamo in preghiera. Con San Francesco siamo animati dalla speranza che - come diceva ieri (il 4 ottobre, n.d.r.) il cardinale Matteo Zuppi, presidente della CEI – “il lupo terribile della guerra possa essere addomesticato”. La via per farlo non passa dalla violenza, che non risolve mai i conflitti: anche quando un atto di forza può essere necessario come forma di difesa, non è con la forza che si costruisce la pace. La pace vive  di rispetto dei diritti dei popoli, della giustizia e della dignità umana. Vive di stima e accoglienza reciproca, di rapporti fraterni e solidali. Vive di fiducia in Dio, che in Cristo ci ha perdonati e riconciliati».

Alla sorgente della preghiera 
«Questa fiducia - ha commentato mons. Maffeis, avviandosi alla conclusione dell’omelia - è alimentata alla sorgente della preghiera. Una preghiera che, con le parole di Gesù, nasce dalla scoperta della paternità di Dio e invoca l’avvento del suo Regno, ossia del suo disegno sul mondo, sull’umanità. Questo Regno è già presente: in ogni atto di amore, di servizio, di gratuità di cui si nutre la vita di ciascuno».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cattedrale San Lorenzo, veglia di preghiera per la Pace in Ucraina. Vescovo: "Il lupo della guerra può essere addomesticato, ma non con la violenza"”
PerugiaToday è in caricamento