Caso Suarez, acque sempre più agitate alla Stranieri: dimissioni e un nuovo indagato

Il professor Cingari lascia il Senato accademico. I sindacati chiedono l'assemblea generale

Il professore Salvatore Cingari si è dimesso dal Senato accademico dell'Università per stranieri. I rappresentanti degli studenti lo avevano già fatto nei giorni scorsi. I sindacati, che a un'ora dall'incontro con i vertifici dell'ateneo si sono visti annullare l'appuntamento, continuano a chiedere un'assemblea generale per rompere il silenzio che da rettrice e direttore generale è stato eretto intorno alle indagini sull'esame di italiano di Luis Suarez. Indagini che proseguono nella stretta riservatezza della Procura, impegnata ad ascoltare persone informate sui fatti in attesa che gli accertamenti sui supporti informatici sequestrati dalla Guardia di finanza siano depositati dai consulenti. 

A Palazzo Gallenga le acque sono piuttosto agitate. Alle contestazioni sul buco di bilancio, circa tre milioni di euro, ai sospetti su forniture e alcuni concorsi, si sono aggiunte quelle di corruzione in concorso, falso e rivelazione di segreto per quell'esame che gli inquirenti hanno definito "farsa". Un esame, secondo la ricostruzione degli investigatori, preparato in anticipo su domande concordate. Contestazioni che saranno vagliate dalle indagini mentre nell'elenco degli indagati si aggiunge quello di una dirigente amministrativa a cui vengono contestati episodi distinti dalla prova "incriminata"; risalenti al 2018 e al 2019.

L'Università per stranieri è nella bufera, ma incassa il sostegno della presidente della Regione, Donatella Tesei, dopo il sostegno all'ateneo manifestato dal sindaco di Perugia, Andrea Romizi, e dall'assessore alla Cultura, Leonardo Varasano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Intervista da Il Messaggero, la presidente ha sottolineato: "L'Unistranieri è una punta di eccellenza della nostra regione e deve continuare a esserlo. Rispetto alla attuale vicenda giudiziaria mi limito a dire questo: sono garantista anche per deformazione professionale. è giusto che la magistratura faccia il suo lavoro e si facciano tutte le verifiche del caso. Attendiamo con serenità l'esito delle indagini, ma alla nostra Università noi teniamo, quindi certe vicende devono essere tenere a distanza rispetto all'istituzione universitaria che va assolutamente tutelata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 18 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 16 ottobre: tutti i dati comune per comune

  • Flash | Ordinanza regionale della Tesei: alternanza lezioni a distanza e da casa per studenti delle Superiori

  • La Tesei firma l'ordinanza: scuola, mezzi pubblici, assembramenti centri commerciali, alcol e stop sale slot

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento