menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La forza dei nursini e la solidarietà del Perugia Calcio per la Onlus I Love Norcia: “Uniti per la rinascita”

Tante le iniziative del Perugia calcio: a iniziare dalla maglia con il logo "I Love Norcia", con cui tutti i giocatori scenderanno in campo

Un aiuto corale per ricostruire, mattone dopo mattone, speranza dopo speranza, la bellezza e l’economia di Norcia, fiore all’occhiello dell’Umbria, ora messa in ginocchio dalla furia del terremoto del 30 ottobre 2016.

Ma la furia del terremoto

 non ha spento la forza di una comunità che oggi si è riunita insieme al Perugia Calcio per dare una mano “fraterna” e concreta a questa terra, flagellata dal sisma. Dopo la Onlus I Love Norcia, messa in campo da imprenditori del nursino per ridare slancio all’economia, anche il Perugia Calcio ha voluto dare un segno forte della sua presenza, con tante iniziative messe in campo a favore di Norcia, uno dei cuori della gastronomia, dell’arte e del paesaggio umbro.

A iniziare dalla maglia con il logo "I Love Norcia", con cui tutti i giocatori scenderanno in campo. La nuova divisa sarà utilizzata a partire dalla partita con il Pisa e per le gare contro Trapani, Ascoli, Novara e Hellas Verona. Il 30% del ricavato della partita contro il Trapani, sarò inoltre devoluto alla Onlus. “Faremo allenare mensilmente i nostri giocatori a Norcia, appena sarà possibile. "Inoltre andremo a trovare le persone per starle vicine, portarle un sorriso, ha annunciato il presidente Massimiliano Santopadre, che continua: "La ditta Bevilacqua ha messo a disposzione bus per andare a prendere gli sfollati e permettere loro di vedere la partita e di vivere, almeno, due ore si svago".

Alla conferenza stampa di presentazione, il sindaco Nicola Alemanno ha voluto ringraziare, oltre il Presidente del Perugia, anche tutti gli imprenditori che hanno creato la Onlus, “I love Norcia è un segno di rinascita”. Il primo cittadino ha voluto ricordare come, nonostante la gravità dei danni, il potente terremoto non abbia fatto vittime. “Grande lavoro di tutti, in poco tempo abbiamo messo 1200 persone in strutture sicure”. Abbiamo subito a distanza di pochi giorni due terremoti, quello del 26 e quello, catastrofico, del 30 ottobre. In questi casi la solidarietà aiuta tantissimo, ed è fondamentale la vicinanza della popolazione. Prima di ricostruire la nostra città, abbiamo bisogno di ricostruire la nostra comunità”, al centro delle nostre priorità ci sono i cittadini”. A sottolineato Alemanno. "I due elementi da cui ripartire sono il lavoro e la scuola".

E proprio dal lavoro Norcia e i suoi impreditori vogliono ripartire: alla conferenza stampa ha preso parte anche Vincenzo Bianconi, uno degli ideatori di I Love Norcia. "Dopo una tragedia del genere, ti inizi a chiedere da dove ripartire, da dove trovare le energie, ma poi arriva tanta solidarietà da tutta Italia e capisci di non essere solo. I nostri progetti vogliono orientarsi verso la socialità, per riunire i cittadini come comunità. Progetti rivolti a migliorare l'assistenza a bambini e anziani, e infine  ricostruire il nostro patrimonio. Individuare quali progetti ristrutturare. Ci sarà un consiglio dei nursini più un rappresentante di imprenditori, un consiglio di grandi benefattori e un consiglio esecutivo". Anche Aberto Allegrini, vice presidente della Pro Loco Norcia, ha voluto ringranziare il Perugia Calcio per l'aiuto e la vicinanza: "E' come una seconda casa". Grazie al contributo di tutti e della società calcistica, domani manderemo beni alle persone terremorate nelle frazioni di Norcia. 

Anche l'allenatore Bucchi ha espresso parole di orgoglio per essere stato tante volte a Norcia, e ha ribadito l'appuntamento mensile della squadra a Norcia per gli allenamenti. 

TERREMOTO, SOSTENERE IL MADE IN NORCIA

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento