menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In carcere tre professionisti dello spaccio a Perugia: vendevano eroina killer, morto un 40enne

I carabinieri della Compagnia di Città della Pieve dopo quasi un anno di indagini e molte difficoltà nel restare incollati ai sospetti - tre veri professionisti dello spaccio - sono riusciti a chiudere le indagini e a portarli a capanne. Ecco la storia

Tre professionisti dello spaccio a Perugia sono stati arrestati con l'accusa di aver ceduto la dose killer che ha portato alla morte lo scorso 12 marzo 2014 un 40enne di Sarteano. La vittima era venuta in compagnia di un amico di Città della Pieve per acquistare nel capoluogo dell'eroina. Ma una volta iniettata - mentre era in auto sulla via del ritorno - ha subito un malore ed è stato necessario trasferirlo prima all'ospedale di Città della Pieve e poi si è tentato di portarlo a Città di Castello ma il 40enne è deceduto durante il tragitto il  ambulanza. 

I carabinieri - del capitano Sardu - a quel punto hanno aperto una indagine per risalire agli spacciatori anche dopo altre overdose sospette che lasciavano presagire una pericolosa partita di eroina tagliata male. Ci sono voluto 10 mesi ma alla fine i militari sono arrivati a tre nomi: si tratta di due tunisini -  F.S di 23 anni e M.I di 27 anni - e di un italiano di 22 anni (le iniziali sono F.F.). Ad inchiodarli diversi clienti e anche l'amico della vittima che è stato ascoltato più volte dai militari. La dose mortale è stata venduta in centro storico a Perugia. 

Catturare i tre non è stato facile come ha ribadito il capitano Sardu: infatti non si trattava di piccoli pusher di strada, ma di professionisti che erano in grado di far perdere le proprie tracce e soprattutto di condurre una doppia vita: padri di famiglia e spacciatori. Continui cambi di domicilio, molti telefoni disponibili e anche grande accuratezza ad evitare di spacciare sempre negli stessi posti. Alla fine ci sono volute ben tre settimane per poterli scovare e catturare. Attualmente si trovano in carcere a Capanne. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento