Perugia-Ancona verso il definitivo completamento! L'Amministratore della Quadrilatero ribadisce la data dell'apertura sul fronte marchigiano

L'annuncio nel corso di una conferenza stampa sul convegno sul tema “Dall’Adriatico al Tirreno, una strada di idee”. Ecco quanto impiegheremo da Perugia per "vedere" il madre Adriatico

E' ufficiale il prossimo anno andremo al mare da Perugia ad Ancona in un tempo record di un'ora e 15minuti (file e incidenti esclusi) secondo gli ultimi calcoli effettuati dai progettisti. L'annuncio ufficiale del fine lavori dell'ultimo tratto umbro (quello sul valico di Fossato di Vico) e dei tratti marchigiani è stato dato a Palazzo dei Priori dall'Amministratore Unico di Quadrilatero Marche Umbria Spa Guido Perosino, durante la presentazione del convegno “Dall’Adriatico al Tirreno, una strada di idee”. "Ad oggi, secondo lo stato di avanzamento dei lavori e le variabili possibili - ha detto - ipotiziamo l'apertura ufficiale al traffico lungo tutto il percorso entro il mese di luglio 2018 in piena stagione estiva". Petrosino ha ribadito che con l’apertura di questa arteria, infatti, si attiveranno nuove opportunità per la provincia di Perugia, anche in considerazione del possibile completamento dei progetti per la creazione della Tirreno-Adriatico e dell’Ancona-Civitavecchia.

La Perugia-Ancona è stata al centro della presentazione del convegno sul tema “Dall’Adriatico al Tirreno, una strada di idee”, in programma martedì 28 novembre nella Sala dei Notari, a partire dalle 9,30, intende focalizzare l’attenzione sulle opportunità di sviluppo dei territori tra Lazio, Umbria e Marche, grazie anche al nuovo collegamento. Al convegno parteciperanno rappresentanti delle istituzioni locali delle tre regioni interessate, del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e del MIBACT, di Anas Spa, della

“Sarà dunque l’occasione giusta - ha spiegato il vice-sindaco di Perugia Barelli - per parlare di sviluppo, ambiente e sinergie, perché solo questo connubio consente ai territori di essere davvero protagonisti. Solo creando una rete ben strutturata, in sostanza, possiamo ottenere reali risultati; sono le reti di città, infatti, piùche le macroregioni, ormai superate, che rappresentano il futuro. Un futuro basato appunto sulla sinergia tra economie, ambienti, tra tutto ciò che può fare qualità”. Barelli ha ricordato che l’Italia centrale ha territori straordinari tra i più belli del mondo. Valorizzare queste ricchezze è oggi possibile anche grazie alle nuove strade che finalmente collegano direttamente le città, facilitando gli spostamenti ed avvicinando i cittadini. “Vorremmo che questo percorso che porterà al completamento della Perugia-Ancona nel 2018 ci accompagnasse verso la formazione di questa rete tra città”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo e freddo, prima nevicata dell'inverno 2019: il bollettino e le aree che saranno imbiancate

  • Inchiesta anti-ndrangheta a Perugia, tutti i nomi degli arrestati e fermati in Calabria e in Umbria

  • Aereo guasto atterra e si schianta, morti e feriti: la super esercitazione all'Aeroporto di Perugia

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Lungo la Pievaiola scontro tra tre auto all'ora di cena: mezzi distrutti, feriti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento