Perugia-Ancona, informativa sospetta peserebbe sul cantiere

La società appaltatrice Impresa in una nota spiega la rottura contratto con l'azienda sub-appaltatrice: "Rescisso per gravi inadempimenti, anche a seguito delle informative antimafia acquisite dalla Prefettura"

Impresa non ci sta a passare per l'azienda che ha vinto l'appalto ma non riesce a portare avanti la Perugia-Ancona nel tratto di Pianello. La mancanza di operai da parte delle ditte sub-appaltatrici che non avrebbero pagato stipendi non dipenderebbe dalla casa madre che dialoga con la società Quadrilatero e con la Regione. Il blocco del cantiere è colpa, secondo Impresa, della ditta siciliana - di Enna - Miritello: "Va precisato che i licenziamenti e gli stipendi non pagati sono di esclusiva e diretta competenza delle ditta Miritello". Ma nella nota ufficiale di Impresa emerge anche un altro particolare che lascia molti dubbi e tantissime ombre: "E' stato rescisso per gravi inadempimenti il contratto, anche a seguito delle informative antimafia acquisite dalla Prefettura competente".

Insomma niente più contratto per anomalie sulle leggi contro le infiltrazioni mafiose? Guarda caso a pochi giorni dalla firme del protocollo anti-mafia fortemente voluto dal Prefetto Cardellicchio proprio per inserire nuovi elementi di controllo anche sulla Perugia-Ancona. E pensare che fino a poco tempo fa - era giugno - la Miritello aveva messo in palio due posti di lavoro per venire proprio a Pianello, mentre ora si registra una fuga di operai e contratto stracciato. Certo le parole scritte da Impresa dovranno essere verificate e soprattutto non si possono prendere per oro colato. La Miritella ha il diritto di replica se vorrà. Fondamentale a questo punto sono le notizie che possono arrivare dalla Prefettura per chiarire questo aspetto che non implica, fino a prova contrario, nessun collegamento con criminalità organizzata e protagonisti di questa storia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma quale era il compito della Miritello? Lo spiegano nel loro sito: "Iniziati in aprile i lavori per la realizzazione della nuova S.S. 318 Pianello-Valfabbrica nell'ambito dell'Asse Viario Marche Umbria e Quadrilatero di Penetrazione Interna, Maxilotto 2, sublotto 1.2a. I lavori, finanziati dal Committente Quadrilatero Marche Umbria S.p.A., sono stati affidati alla Miritello Group S.p.A. dal Contraente Generale Dirpa S.c.a.r.l.. Oltre ai lavori per la realizzazione della nuova Statale la Miritello Group S.p.A. si occuperà della fornitura di calcestruzzo preconfezionato grazie all'impianto di betonaggio di Pian Del Villano a Pianello di Perugia". Calcestruzzo che è il cuore della struttura della Perugia-Ancona. Il blocco del cantiere allungherà i tempi anche perchè stiamo parlando di un ruolo fondamentale da rimpiazzare. E forse ha ragione il consigliere del Pd Smacchi che chiede più aziende umbre in sub-appalto. Anche perchè di calcestruzzo gli umbri - vedi Colabeton, Barbetti e Caltagirone - un pochino se ne intendono. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento