rotate-mobile
Cronaca

Adesca due fratellini con la promessa di una bevanda e una giornata in piscina: chiesta la perizia per anziano

L'uomo era stato arrestato un anno fa per i reati di prostituzione minorile, atti sessuali con minorenne e adescamento di minorenne

Una perizia psichiatrica per l’anziano accusato di aver adescato due fratellini e proposto loro di fare sesso in cambio di una bevanda e una giornata in piscina.

L’uomo, un 85enne, era stato arrestato dagli agenti della Squadra Volante, diretti dal commissario Monica Corneli, il 21 agosto in esecuzione di un ordine del magistrato di Sorveglianza di Perugia che ha sospeso la misura degli arresti domiciliari. A carico dell'anziano pesano precedenti specifici per reati di violenze e tentate violenze su minorenni.

L'arresto fa seguito alla richiesta di aiuto di una coppia di genitori che avevano riportato il racconto dei propri figli, i quali erano stati avvicinati in diverse occasioni presso il parco pubblico non lontano da casa o all’interno dell’autobus, da un uomo di 85 anni che con battute volgari faceva riferimento alle parti intime dei ragazzini e cercava di adescarli attraverso la visione di denaro o l'offerta di bibite.

Il giudice per le indagini preliminari Margherita Amodeo ha disposto una perizia per valutare la capacità di intendere e volere dell’anziano, difeso dall’avvocato Luca Maori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adesca due fratellini con la promessa di una bevanda e una giornata in piscina: chiesta la perizia per anziano

PerugiaToday è in caricamento