rotate-mobile
Cronaca

Perseguita la ex fidanzata e finisce sotto processo, ma lei ritira la querela e il giudice chiude il caso

L'uomo era accusato di aver pedinato e molestato la donna dopo la fine della relazione

Insulti, minacce e un tentativo di speronamento, ma in tribunale arriva la remissione di querela che salva un 42enne di Foligno, difeso dall’avvocato Vincenzo Maria Maccarone, dall’accusa di aver perseguitato la ex fidanzata.

I fatti contestati sono avvenuti a Perugia e Assisi tra il dicembre del 2020 e il luglio del 2021.

Secondo l’accusa, l’uomo avrebbe seguito ovunque la donna, offendendola in diverse occasioni, minacciandola e telefonandole di continuo, fino a procurarle “un perdurante e grave stato di ansia e di paura nonché un fondato timore per l’incolumità propria” e costringendola “ad alterare le proprie abitudini di vita”, con l’aggravante di “aver commesso il fatto” nei confronti di una persona con la quale aveva avuto una relazione affettiva.

Per la Procura di Perugia in una occasione avrebbe tentato di speronarla con la propria auto, danneggiandole solo lo specchietto retrovisore laterale. Mentre un’altra volta si sarebbe impossessato della borsa, “sottraendola alla proprietaria”, con tutto il su o contenuto di documenti, carte di credito e bancomat, chiavi, farmaci, occhiali da sole e denaro.

Una volta, avendo visto l’auto della donna parcheggiata, le avrebbe divelto lo specchietto retrovisore.

Nel corso dell’udienza di oggi è stata depositata la remissione di querela da parte della persona offesa e il giudice dovrà valutare, alla luce anche della riforma Cartabia, se sussiste un difetto di procedibilità e, quindi, chiudere il fascicolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perseguita la ex fidanzata e finisce sotto processo, ma lei ritira la querela e il giudice chiude il caso

PerugiaToday è in caricamento