rotate-mobile
Cronaca

Perugia, false dichiarazioni per ottenere il reddito di cittadinanza: coppia denunciata

Lui ha detto di vivere in un rifugio per senza tetto e lei dopo aver scontato 3 anni di detenzione lavorava a tempo determinato

Prendono il reddito di cittadinanza con false dichiarazioni sul loro stato economico e personale. I Carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro e i militari della Stazione di Ponte Pattoli, hanno denunciato due conviventi, una donna di 44 anni e un uomo di 62 anni, entrambi residenti a Perugia, per aver percepito illegittimamente il reddito di cittadinanza.

I deu avevano dichiarato di vivere in due abitazioni distinte, ma dai controlli era emerso che erano conviventi dal 2016. L'uomo, inoltre, come indirizzo aveva fornito quello di un rifugio per senza tetto.

Dagli ulteriori accertamenti è emerso che la donna, all’atto della presentazione della domanda del reddito di cittadinanza, aveva omesso di riferire circa il suo stato di detenzione, prima in carcere e poi ai domiciliari, per circa tre anni e di essere stata assunta come dipendente con un contratto a tempo determinato, percependo così indebitamente poco più di 9 mila euro.

Il 62enne che da maggio 2020 a ottobre 2021 e da dicembre dello stesso anno fino a gennaio 2023, ha percepito il reddito di cittadinanza per un importo complessivo di poco di 14mila euro, avrebbe dichiarato falsamente di vivere presso un domicilio che a Perugia viene indicato dai senza tetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, false dichiarazioni per ottenere il reddito di cittadinanza: coppia denunciata

PerugiaToday è in caricamento