menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pedaggio E45? Tutto rimandato anche per non spaccare la maggioranza

Manca a causa di impegni al ministero dei Trasporti l'assessore Rometti proprio il giorno in cui bisogna decidera sul futuro della E45. Consiglieri regionali rimangono con l'amaro in bocca

Tutto tace, o meglio tuto è stato rinviato. Si credeva che fosse oggi - 21 gennaio - il giorno fatidico in cui il Consiglio regionale avrebbe deciso sul futuro della E45 o come è stata definita la “spina dorsale dell’Umbria". Ma la discussione sulle due mozione, presentate una da Locchi (Pd) e una da Dottorino (Idv), è stato deciso di rinviarla. Non si sa quindi ancora nulla sul famoso pedaggio che forse gli umbri dovranno pagare e niente neanche sulla sua possibile e, ormai quasi certa, "conversione" in autostrada.

A deciderlo la presidente dell'Umbria, Catiuscia Marini, che non ha trovato opportuno andare al voto a causa dell’assenza dell'assessore “interessato, Silvano Rometti, impegnato stamani in una riunione a Roma al ministero dei Trasporti".

Dissapori comunque a Palazzo Cesaroni, dove Gianluca Cirignoni (Lega Nord) che in merito era già intervenuto ieri, 20 gennaio, ha esplicitato il suo disappunto. A rispondergli la stessa Governatrice: "Va rispettato chi è assente per importanti motivi istituzionali, qual e' la riunione odierna al ministero”. Dal consiglio regionale già comunque trapela qualche informazione e c'è chi, come il centrodestra, afferma in maniera perentoria che sarà a favore della trasformazione della E45 in autostrada solo qualora venisse risparmiato il pedaggio agli umbri. Ma nulla ancora pare comunque certo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Come ti frego il pacco lasciato dal corriere… se non sei svelto a ritirarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento