menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anti-terrorismo, processioni e funzioni blindate: agenti in borghese, blocchi di cemento, varchi sorvegliati

L'allerta è massima anche in Umbria. Il rischio terrorismo, soprattutto nel periodo di Pasqua, non va assolutamente sottovalutato. Ecco il piano Pasqua Sicura

L'allerta è massima anche in Umbria. Il rischio terrorismo, soprattutto nel periodo di Pasqua, non va assolutamente sottovalutato e servono strategie per garantire un sicuro svolgimento delle processioni e delle funzioni religiose che si articoleranno a Perugia e in gran parte della provincia di Perugia.

Se le linee guida sono state già fornite dalla Prefettura dopo la tabella di marcia elaborata dal Ministero degli Interni, le forze dell'ordine hanno messo in piedi, dopo l'ennesimo summit in Questura, un piano standard da attuare sia in fase di prevenzione-sorveglianza che in caso di attacco. Fondamentale è lo studio della viabilità per consentire le processioni - quelle più importanti del Venerdì Santo -: sono previste delle chiusure o sorveglianza dei varchi laterali che portano diretti alle strade affollate di fedeli. Una tecnica che è stata già utilizzata per la grande kermesse del Carnevale di San Sisto e per la processione di San Costanzo.

Oltre agli agenti in divisa che scorteranno le funzioni religiose sono previste delle sentinelle in borghese che opereranno a tutto campo. Nel piano sicurezza per Pasqua - stilato da Polizia, Carabinieri, Polizia Municipale e Baschi Verdi - torneranno in città delle barriere in cemento e altri ostacoli che hanno la funzione di rallentare o sbarrare la strada ad eventuali attacchi con mezzi pesanti o auto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento