Omphalos, oltre 100 atleti da tutta Italia scendono in campo per dire no alle discriminazioni

L’evento si svolgerà presso le strutture del palazzetto dello sport di San Sisto e dell’istituto Enrico Fermi e vedrà la partecipazione di oltre 15 squadre

Lo sport contro le discriminazioni e per i diritti di tutti e tutte. Con questo spirito torna a Perugia, sabato 18 febbraio, il torneo nazionale di pallavolo targato Omphalos, quest’anno alla sua quarta edizione. L’evento si svolgerà presso le strutture del palazzetto dello sport di San Sisto e dell’istituto Enrico Fermi e vedrà la partecipazione di oltre 15 squadre per un totale di oltre 100 atleti da tutta Italia.

“Il quarto Omphalos Volley Tournament – commenta Stefano Bucaioni, presidente dell’associazione – conferma la validità del progetto sportivo dell’associazione, nato oltre 5 anni fa con la creazione di una squadra di pallavolo, che nell’anno di esordio al campionato provinciale è arrivata a contendersi i play off. Con il tradizionale torneo nazionale di febbraio, Omphalos vuole ribadire il valore dello sport come terreno di integrazione e palestra di tolleranza e attraverso lo sport parlare di diritti della comunità LGBTI (lesbica, gay, bisessuale, trans* e intersex), di lotta contro le discriminazioni e la violenza e di parità.”

Giornata contro l'omofobia: il racconto di attacchi e pregiudizi

Il gruppo sportivo di Omphalos continua a crescere e da dicembre 2016 si è aggiunta anche una squadra di nuoto, che si allena settimanalmente presso la piscina Gryphus di Perugia. Le squadre di pallavolo e di nuoto dell’associazione raccolgono ormai quasi 50 atleti che si impegnano in un progetto che oltre allo sport offre un valore sociale importantissimo per tutta la comunità regionale.

“Il torneo annuale rappresenta un momento di grande valore sportivo e di forte integrazione per la comunità oltre che una vetrina per la città – aggiunge Fabio Cappuccini, responsabile sport di Omphalos – per un weekend, infatti, oltre agli atleti coinvolti nel torneo arriveranno a Perugia tanti accompagnatori e tifosi. Questo significa visibilità e una grande opportunità di sensibilizzazione su tematiche centrali per l’attività di Omphalos, come la salute e la battaglia contro ogni forma di discriminazione.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

  • Incubo finito, ritrovato a notte fonda il minore scomparso

  • Lo riconosce e lo accompagna dai carabinieri, ritrovato il giornalista Giovanni Camirri

Torna su
PerugiaToday è in caricamento