La bellissima e abusiva villa in campagna, tre persone denunciate: immobile sequestrato

Rischiano due anni di carcere e 51mila euro di multa: il Comune ha già emesso l'ordinanza di demolizione

Pensavano di farla franca. E invece no: sono stati scoperti. Il personale del Comando Stazione di Città della Pieve del Corpo Forestale dello Stato, nei giorni scorsi, su disposizione del Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Perugia ha posto sotto sequestro un fabbricato da adibire a civile abitazione, realizzato ex-novo violando le normative vigenti in materia edilizia ed urbanistica.

“Già nel mese di luglio del 2015 – spiega una nota della Forestale -  il personale forestale, nell’ambito dell’attività di controllo del territorio, aveva accertato in località Vallegroppe del Comune di Panicale la realizzazione di una costruzione realizzata, con finiture di pregio, su due piani più interrato. Dagli accertamenti effettuati presso gli uffici competenti in materia edilizia e paesaggistica era risultato che per la realizzazione della casa era stata richiesto un permesso di costruire sfruttando la cubatura di un annesso agricolo, posto in altra località”. La normativa edilizia regionale, spiega ancora la Forestale, “prevede che la nuova costruzione venga realizzata entro una distanza di mille metri dall’opera demolita e per poter effettuare il cambio della destinazione d’uso, da agricola a civile abitazione, la costruzione deve essere realizzata a non più di cinquanta metri da altra civile abitazione. In sede di indagini, mediante sopralluoghi ed accertamenti tecnici con strumentazione GPS, - prosegue la Forestale - il personale operante aveva accertato che la costruzione era stata realizzata con una ubicazione diversa da quella autorizzata e senza il rispetto delle distanze previste.  Pertanto è stata effettuata segnalazione all’Autorità Giudiziaria per realizzazione di un edificio destinato a civile abitazione in totale difformità del permesso di costruire e per altri reati in materia  edilizia riscontrati durante gli accertamenti, tra cui la realizzazione di una recinzione di circa quattro ettari di terreno, la realizzazione di un nuovo tratto di strada vicinale in difformità al permesso di  costruire ed altre opere pertinenziali come coperture fotovoltaiche e tettoia per parcheggio”.

Alla fine sono state denunciate tre persone, tutte residenti nel Comune di Panicale: il  titolare della ditta proprietaria del terreno e degli edifici in costruzione, un familiare in qualità di  progettista e direttore dei lavori ed il direttore dei lavori della strada vicinale realizzata in difformità  a quella autorizzata.
Ai sensi della normativa vigente in materia edilizia, D.P.R. 380/01, rischiano l’applicazione di una  sanzione penale che prevede l’arresto fino a due anni e l’ammenda fino a 51mila euro.
Il Comune di Panicale a seguito della segnalazione della Forestale dell’illecito accertato ed in base a  quanto previsto dalla normativa ha provveduto ad emettere ordinanza di demolizione delle opere abusive eseguite. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Gualdo e comuni limitrofi, sale la preoccupazione per i furti: mezzo sospetto, scatta il tam-tam

  • Scontro tra bus e auto, un ferito a Todi

  • Malattie sessualmente trasmissibili e psoriasi, dermatologi a Perugia: "In aumento i casi, tutti i rischi"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento