menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rinviato a giudizio presunto palpeggiatore seriale, era il terrore delle donne a Perugia

E' quanto stabilito dal giudice Avenoso. la prima udienza è stata fissata a marzo 2017. L'uomo avrebbe molestato sessualmente oltre trenta donne

Per il presunto palpeggiatore seriale il si aprirà il processo penale. E’ quanto stabilito dal giudice Avenoso che questa mattina, durante l’udienza preliminare, ha deciso di rinviare a giudizio il perugino 47enne, che sarebbe stato l'incubo delle donne a Perugia. L'uomo è infatti imputato di violenza sessuale (articolo 609 bis), la prima udienza è stata fissata il 21 marzo 2017. 

I fatti risalgono a circa tre anni fa: l’uomo, stando ai racconti delle vittime- si sarebbe avvicinato a loro per poi toccarle in varie parti del corpo e scappare. Dalle denunce presentate il presunto colpevole avrebbe indossato un k-way azzurro e si sarebbe destreggiato tra i vicoli di Perugia e del centro storico nelle prime ore della mattina, complice il buio e la poca gente in giro. Le avrebbe toccate in varie parti, un incubo per giovani, studentesse, lavoratrici che giravano per le vie del centro storico della città. 

Nel gennaio del 2015 il tribunale del Riesame aveva accolto la richiesta della difesa concedendo al presunto palpeggiatore seriale gli arresti domiciliari. L'uomo era finito in manette dopo una lunga indagine. Gli indizi raccolti e le immagini delle telecamere avevano spinto gli inquirenti ad arrestarlo, perché ritenuto il presunto colpevole delle violenze subite da tantissime ragazze e donne che avevano denunciato l'accaduto alle forze dell'ordine.

Le parti civili sono difese dagli avvocati Laura Modena, Ermes Farinazzo e Roberto Fiorucci mentre l'imputato è difeso dall'avvocato Arturo Bonsignore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento