rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca

Perugia, palpeggia la figlia con la scusa di farle il solletico: condannato

Per la Corte d'appello il comportamento del padre integra il reato di violenza sessuale

Due anni e mezzo per violenza sessuale sulla figlia. La Corte d’appello di Perugia conferma la sentenza di primo grado e chiarisce: “Il padre che con il pretesto di fare il solletico alla figlia, le palpeggia il seno e il sedere, commette il delitto di violenza sessuale”.

Secondo i giudici di appello “è integrato dalle condotte di palpeggiamento del seno e del sedere della persona offesa, anche qualora esse siano state adottate nell’ambito di un apparentemente innocente gioco tra padre e figlia, in quanto tali condotte devono essere considerate oggettivamente e inequivocabilmente aventi connotazione sessuale”.

Ne discende la conferma della condanna in primo grado per l’uomo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, palpeggia la figlia con la scusa di farle il solletico: condannato

PerugiaToday è in caricamento