Ospedale S. Maria della Misericordia, arrestata perugina per 30 furti: era l'incubo dei pazienti

Dal 2010 al 2013 aveva messo a segno almeno 30 furti accertati. Aspettava che i pazienti o i loro famigliari lasciassero incustodite borse o portafogli per entrare in azione. Era fissa ormai nel nosocomio perugino

Dal 2010 fino a pochi giorni fa aveva "lavorato" in Ospedale. Ma non era medico, badante o infermiera. Si era specializzata in furti facili,facili in corsia. Attendeva che i malati si alzassero per due passi o per visite mediche di rito. E poi scattavano i furti. Anche borseggi con destrezza. Ma una perugina 34enne è stata ufficialmente "licenziata" dall'Ospedale Santa Maria della Misericordia dopo che gli agenti di Polizia hanno accertato in questi tre anni almeno una trentita di furti. Ma potrebbero essere molti di più. Intanto gli agenti della Divisione Anticrimine hanno arrestato la donna che si trova ora a Capanne.  

L’indagine è stata avviata dagli agenti in servizio del Posto fisso nel Santa Maria della Misericordia già nel novembre del 2010 quando si è registrato un sensibile incremento dei furti in corsia, fino a quel periodo sporadici, in danno di degenti e loro familiari. Dalle denunce presentate si è notata qualche analogia che ha subito indirizzato le indagini verso una donna, abitualmente presente nel racconto dei derubati .

Dall’incrocio delle descrizioni dei testimoni con quelle dei filmati della videosorveglianza che registrano gli accessi al nosocomio è stato possibile agli agenti identificare l’abile “ladra”, peraltro personalmente conosciuta dagli operanti per il suo “curriculum” di persona dedita abitualmente ai reati contro il patrimonio; in alcuni casi le vittime hanno anche immediatamente riconosciuto l’indagata dalle foto in possesso della polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La perugina è riuscita, nel corso degli anni, ad impossessarsi delle borse, dei portafogli e degli oggetti di valore lasciati temporaneamente incustoditi nelle corsie dai pazienti o dai loro familiari. L'accusa è di furto pluriaggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

Torna su
PerugiaToday è in caricamento