Ospedale di Perugia innovativo, oltre 2200 pazienti nelle nostre strutture assistenziali: i dati

Dati positivi quelli snocciolati oggi in conferenza stampa direttore dell’Azienda Ospedaliera Emilio Duca. Eccoli nello specifico

A poco più di un anno dall’attivazione dell’Unità di Degenza Infermieristica e dell’Osservazione Breve Internistica, quest’ultima costituita dopo la chiusura della struttura complessa di Medicina Interna e Scienze Oncologiche, il direttore dell’Azienda Ospedaliera Emilio Duca ha  tracciato con gli operatori sanitari un bilancio dei nuovi modelli assistenziali, ringraziandoli per il proficuo lavoro svolto.

Il direttore, nel corso di un incontro, svoltosi oggi presso la Direzione Generale, ha dato subito spazio ai numeri: “Presso l’Unità di Degenza Infermieristica, dotata di 12 posti letto, sono stati accolti 533 pazienti, di cui l’83% di età superiore ai 75 anni. La degenza media - ha precisato il dottor Duca- è stata di 6,8 giorni (target 7 giorni), con esiti più che soddisfacenti, in conformità alla mission della unità di degenza infermieristica: il 53% dei pazienti sono stati rinviati al domicilio con la presa in carico da parte del medico di medicina generale e/o dall’assistenza domiciliare integrata; il 35% dei pazienti sono stati presi in carico dalle strutture residenziali territoriali come RSA, RP, Centri di Riabilitazione e Hospice sia in ambito regionale che extraregionale; il restante 12% dei pazienti, a causa di riacutizzazioni è stato ripreso in carico da strutture di degenza per acuti del nostro ospedale”. Attualmente  Il modello innovativo della unità di degenza infermieristica è oggetto di attenzione da parte del Ministero della Salute, che ha istituito un apposito tavolo tecnico nazionale, coordinato dal responsabile della struttura del Santa Maria della Misericordia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Consistente anche il numero dei pazienti accolti presso l’Osservazione Breve Internistica, diretta dal Prof. Giancarlo Agnelli, struttura anche questa dotata di 12 posti letto, ed anche per questa la Direzione Aziendale ha riferito circa i risultati conseguiti: sono stati accolti 1.672 pazienti e la permanenza media è risultata di 53 ore (target 72 ore)”. Lo scopo della Osservazione Breve Internistica è quello di accogliere pazienti inviati dal Pronto Soccorso, al fine di osservare, diagnosticare e trattare le condizioni cliniche, escludendo patologie che rivestono carattere di urgenza/emergenza, per  evitare il ricorso a ricoveri inappropriati. “In un anno di attività -ha evidenziato il Dr. Duca- circa l’82% dei pazienti accolti in questo setting assistenziale, ovvero oltre 1.350 cittadini, sono stati rinviati al domicilio, e solo il 18% hanno avuto la necessità di essere ricoverati in una degenza per acuti.Tali nuovi modelli assistenziali hanno consentito una risposta organizzativa per il miglioramento degli indicatori di performance ospedaliera, ma soprattutto hanno determinato una utilizzazione appropriata dei posti letto per l’accoglimento e la gestione dei nuovi casi acuti ” .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

  • Coronavirus, bollettino Umbria del 5 aprile: su 550 tamponi 29 contagiati, 300 tra guariti e quelli senza più sintomi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento