La magia dell'ospedale di Perugia che ha cambiato la vita di Davide: "Ora posso giocare a calcio"

Il racconto del ragazzo operato dai medici del Santa Maria della Misericordia: "Quando mi sono risvegliato dall'anestesia ed i medici mi hanno fatto vedere le mie gambe, sono scoppiato a piangere"

Davide, 20 anni, è uno  studente, ha due fratelli, e martedì 8 novembre ha vissuto emozioni che lo accompagneranno per  tutta la  vita. “Quando mi sono risvegliato dall’anestesia ed i medici mi hanno fatto vedere le mie gambe, sono scoppiato a piangere – racconta  il giovane dalla  sua abitazione in provincia di Lecce- . Toccare con mano che non erano più  storte, mi ha dato una  grande gioia. Ho subito pensato che fra qualche tempo  sarò come i miei amici e che anche io potrò  camminare normalmente  e giocare a pallone ".

Davide era affetto da una deformità scheletrica congenita e una equipe della struttura complessa  di Ortopedia e Traumatologia del Santa Maria della Misericordia  di Perugia diretta dal professor Auro Caraffa, che da  tempo si dedica si dedica ad intervenire chirurgicamente per restituire  ai pazienti una eccellente qualità della vita anche a  quelli  vittime di gravi traumi, lo ha operato. “La deformità di Davide riguardava la tibia ,con conseguente accorciamento dell’arto di 5 centimetri , che causava una evidente zoppia alla deambulazione", riferisce all’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera il dottor Michele Bisaccia, che ha eseguito l’intervento chirurgico assieme ai dottori Ermanno Trinchese, Giovanni Colleluori, Andrea Schiavone, con il contributo delle anestesiste Anna Maria Falaschi e Flavia Falchetti.
“Sono arrivato a Perugia carico di fiducia, nonostante gli insuccessi  presso altri centri  italiani – vuole  sottolineare Davide- .Nonostante il lungo peregrinare, non mi sono mai scoraggiato, anzi, se ho rafforzato il  mio carattere è stato anche grazie alle delusioni affrontate. A darmi una grande carica  è stato il dottor Trinchese, che mi ha assistito come un padre, a lui ho promesso che  anche se non diventerò  mai  un  calciatore famoso, avrà sempre la mia riconoscenza”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Corretta la deformità, con l’allineamento dei vari segmenti ossei, abbiamo proceduto ad applicare un fissatore esterno per riportare l’arto in asse e quindi  ad annullare la zoppia e consentire al paziente di condurre una vita normale – spiega  il dottor Bisaccia-. Ed è  proprio il fissatore che  giorno dopo giorno  consentirà di riportare in asse l’arto operato“.  I medici prevedono in questa  fase di convalescenza  controlli e un  ciclo  di riabilitazione, ma  Davide può finalmente  guardare al futuro  con ottimismo: “L’equipe che ha operato mio figlio è stata fantastica- dice la signora Irene, la mamma di Davide-. La riuscita dell’intervento non ha fatto tornare il sorriso solo a lui, ma a tutta la famiglia. Dire grazie a tutti è il minimo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento