E' tornata a caccia dei nostri soldi: la finta dottoressa Citti truffa ma stavolta rischia il carcere

A febbraio era stata messa dal Tribunale sotto sorveglianza speciale per due anni. Avrebbe dovuto cercarsi un lavoro e vivere onestamente. Nei giorni scorsi denunciata per una truffa a danno di un famigliare di un paziente

(seguici su twitter:   @nicola_bossi)

E' tornata. Senza camice da medico o toga da avvocato. Ma è ricomparsa sulla scena perugina con un solo obiettivo: truffare la gente perbene che vuole fare una buona azione. La dottoressa, già avvocato, già professoressa Citti è stata di nuovo segnalata alla Polizia da un uomo truffato - toscano - che stava assistendo un parente all'Ospedale del Santa Maria della Misericordia.

La dottoressa Citti stavolta ha vestito i panni della "figlia disperata di un malato" a cui avevano degli ignoti rubato il portafoglio e non sapeva come tornare a casa. Ovviamente non era così. E non aveva nessuno da accudire al nosocomio. L'uomo si è sentito in dovere di aiutare questa ragazza che piangeva come una fontana. E così ha perso lui qualcosa di reale: 50 euro. Il giorno dopo, però, ritornando all'Ospedale l'uomo truffato ha voluto vederci chiaro: al posto fisso di polizia ha identificato in una foto la giovane. Da qui è scattata la denuncia per truffa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma ora la dottoressa Citti rischia il carcere: a febbraio la donna era stata messa sotto sorveglianza speciale per due anni dopo 14 condanne. Il Tribunale di Perugia aveva ribadito che da ora in poi doveva vivere in maniera corretta: cercare lavoro e l'onestà. Ricerca vana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 2 aprile: tutti i casi per comune di residenza

Torna su
PerugiaToday è in caricamento