Cronaca

Il Modular Hospital è operativo a Città di Castello: nuovi posti in terapia intensiva esterni all'Ospedale

E' stato fortemente voluto dall'ex Commissario all'emergenza Covid-19 Domenico Arcuri

Una struttura formata con dei moduli pre-fabbricati, esterna all'Ospedale ma collegata da un tunnel che permette l'interscambio di personale. Ma soprattutto "un modulo" che va ad arricchire il numero delle fondamentali terapie intensive per il nosocomio dell'Altotevere che oltre a fronteggiare l'emergenza Covid a breve riprenderà anche l'ordinario lavoro su patologie e traumi ben più pericolosi - in termini di mortalità - del virus. La struttura sanitaria "satellite" sta già ospitando i primi quattro pazienti. 
 
Il Modular Hospital - questo il nome tecnico - di circa 370 mq, è stato realizzato grazie all’intervento del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19, Domenico Arcuri, che ha fornito alla Regione Umbria delle strutture realizzate con moduli prefabbricati ai fini dell’allestimento di posti letto di terapia intensiva. I posti letto della struttura esterna, in aggiunta a quelli già disponibili internamente, garantiranno l'aumento della ricettività di pazienti che necessitano di cure intensive.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Modular Hospital è operativo a Città di Castello: nuovi posti in terapia intensiva esterni all'Ospedale

PerugiaToday è in caricamento