rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Operaio morto schiacciato in fabbrica, sotto processo il responsabile della sicurezza

Incidente sul lavoro: secondo la Procura ci sarebbero state falle nella sicurezza, mentre per la difesa l'uomo era troppo vicino ai macchinari. Risarciti i familiari

Il titolare dell’azienda e la ditta sono usciti dal processo con un patteggiamento ad 1 anno di reclusione, il risarcimento da 750mila euro ai familiari (moglie e tre figli) della vittima di un incidente sul lavoro e una multa da 88mila euro.

Il responsabile della sicurezza, difeso dagli avvocati Giuseppe Montone e Michele Morena, è finito sotto processo davanti al giudice Francesco Loschi con l’accusa di omicidio colposo.

L’operaio era deceduto a seguito dello schiacciamento provocato da un rotolo d'acciaio. Secondo l’accusa l’incidente sarebbe avvenuto mentre l’uomo effettuava la manutenzione di un macchinario industriale. Per la Procura ci sarebbero stati degli inadempimenti da parte dell’azienda e del responsabile sul fronte della sicurezza.

Per le difese l’uomo si sarebbe trovato troppo vicino al macchinario, senza un motivo, come la manutenzione o altri interventi specializzati.

Nel corso dell’udienza sono stati sentiti i testi dell’accusa e i periti, dal medico legale ai funzionari dell’ispettorato del lavoro.

L’udienza è stata aggiornata a febbraio del 2022 per i testi della difesa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio morto schiacciato in fabbrica, sotto processo il responsabile della sicurezza

PerugiaToday è in caricamento