Cronaca

Schiacciato contro un cancello dal mezzo sfrenato, in tre davanti al giudice per la morte di un operaio

L'uomo era sceso per aprire l'inferriata che immette nel piazzale dell'oleificio, il muletto si era sfrenato e lo aveva travolto

Operaio morto schiacciato del muletto nel piazzale dell’oleificio, in tre davanti ai giudici della Corte d’appello di Perugia.

L’incidente mortale è avvenuto l’8 giugno del 2013. Il lavoratore deceduto, un 39enne di origini marocchine che lavorava per una ditta di pulizia esterna all'oleificio, era rimasto schiacciato dal mezzo che stava guidando e dal quale era sceso per aprire un cancello. Il corpo era scoperto da un passante la mattina presto.

Secondo la ricostruzione fatta dalla Procura, l’operaio stava andando al lavoro e si era fermato davanti al cancello che immette nel piazzale dell’azienda. Era sceso per aprire l’inferriata, ma il freno del mezzo si sarebbe sganciato e il muletto lo avrebbe investito. Inutili i soccorsi.

Sotto processo, difesi dagli avvocati Riccardo Rossi, Elisa Benvenuto e Luca Gentili, i responsabili delle due aziende e della sicurezza. L'udienza è stata rinviata al 17 giugno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schiacciato contro un cancello dal mezzo sfrenato, in tre davanti al giudice per la morte di un operaio
PerugiaToday è in caricamento