menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caldo africano. Ondata di malori tra gli escursionisti: minorenne perde i sensi, scatta salvataggio

"Si raccomanda di agire con buon senso nella scelta di escursioni o altre attività da svolgere all'aria aperta": hanno ribadito dai vertici del Soccorso Alpino umbro

Le alte temperature di questi giorni non solo stanno creando gravi problemi di salute ad anziani e malati, ma anche ai giovani amanti della montagna umbra che stanno pagando caro l'esposizione al sole e i 40 gradi. Lo sanno bene gli uomini e le donne del soccorso alpino umbro che solo nelle ultime 48 ore hanno effettuato molti interventi per mettere in sicurezza coloro che hanno subito malori legati all'eccessivo calore.

Il fatto più grave si è registrato tra Gualdo Tadino e Nocera Umbria sul Monte Maiore, quando è scattato l'allarme per soccorere una giovane scout di 17 anni che aveva perso conoscenza.  Prestato il primo soccorso da una delle due squadre del Soccorso alpin o e dai sanitari del 118, la giovane è stata recuperata e trasportata con l'autoambulanza all'ospedale di Branca. E' fuori pericolo ed ora è in buone condizioni. L'altra squadra del SASU in loco ha accertato lo stato di salute degli altri scouts,  viste le alte temperature e lo stato di disidratazione dei ragazzi. "Si raccomanda di agire con buon senso nella scelta di escursioni o altre attività da svolgere all'aria aperta": hanno ribadito dai vertici del Soccorso Alpino umbro.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento