menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Gualdo, uccise la fidanzata a coltellate: nuova condanna, ma con lo "sconto"

Danut Barbu condannato in secondo grado a ventidue anni per l'omicidio di Ofelia Bontoiu. Riconosciute le attenuanti generiche

Ventidue anni per l’omicidio di Ofelia Bontoiu. E’ questa la decisione presa dai giudici della Corte d’assise d’Appello di Perugia nei confronti di Danut Barbu, il 31enne romeno che l’otto marzo del 2014 uccise la sua fidanzata nella stanza di un piccolo hotel nel cuore di Gualdo Tadino.

I giudici  hanno accolto l’appello presentato dai legali dell’imputato – Antonio Cozza e Nicodemo Gentile, che avevano chiesto una nuova apertura istruttoria per poter valutare nuovamente la capacità di intendere e di volere dell’assassino. I giudici, dopo una camera di consiglio, hanno riconosciuto all’imputato le attenuanti generiche scontando di 5 anni la pena inflitta in primo grado (era stato condannato a 27 anni) “Parzialmente soddisfatto – commenta l’avvocato Cozza, ora attendiamo le motivazioni della sentenza”.

Uccisa a coltellate dal fidanzato, il killer: "Prima l'ho colpito, poi le ho tagliata la gola"

E' l'8 marzo del 2014. Ofelia Bontoiu e Danut Barbu, si incontrano in una stanza di un piccolo hotel. Litigano. Lei scappa e poi torna. Infine viene colpita e uccisa dal fidanzato. Ofelia rientra nella camera dopo una furente litigata con Barbu. Lui la sorprende alle spalle e con una mensola la colpisce alla nuca. Un colpo così violento da far saltare tre denti e procurarle una vasta ferita sopra il collo. Dopo averla stordita, prende il taglierino e la sgozza. Una volta uccisa, il killer è pronto a morire. Si taglia le vene e aiutato da una fortissima dose di psicofarmaci, prova a farla finita accanto al quel corpo ormai senza vita della sua fidanzata. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento