Cronaca Via Pallotta

Centro accoglienza, lite violenta tra stranieri: muore tunisino, preso killer

Il fatto è avvenuto a Perugia nella tarda serata di oggi, 26 febbraio. Sul fatto stanno indagando i Carabinieri che hanno raccolto alcune testimonianze per risalire all'assassino

Una lite tra due stranieri che è sfociata in un dramma: è deceduto un tunisino - le cui generalità non sono state fornite - questa sera (26 febbraio) in una struttura di accoglienza per la notte nel quartiere della Pallotta a Perugia. Sul posto si trovano i Carabinieri della Compagnia di Perugia che stanno indagando sull'accaduto e stanno raccogliendo alcune testimonianze.

Il riserbo è massimo ma qualcosa sta incominciando a trapelare. L'assassino sarebbe stato un ospite della strutture comunale, anche lui straniero, che si è dato alla fuga subito dopo la lite. Forse una coltellata avrebbe stroncato una vita. Non si conoscono altri particolari né il motivo scatenante che ha portato i due stranieri a fronteggiarsi con così tanta violenza.

AGGIORNAMENTO FINALE: UCCISO MENTRE SI FACEVA UN THE', FERMATO IL KILLER

ARRESTO - Il presunto assassino è stato fermato prima della mezzanotte dai Carabinieri nella zona di Fontivegge che aveva raggiunto a piedi. L'omicidio - c'è la conferma - è stato consumato a coltellate. L'uomo fermato sarebbe sempre uno straniero ma sarebbe di nazionalità albanese, mentre la vittima è un tunisino.

LA LITE MORTALE - Il giovane tunisino ha ricevuto un primo colpo al corpo e poi una volta a terra sarebbe stato raggiunto da altri fendenti. La morte è arrivata per una fortissima emorragia. Le ipotesi investigative portano ad una lite mortale per via di alcuni debiti legati al mondo della droga dato che la vittima ha molto precedenti. Ma le indagini sono ancora in corso e il movente potrebbe essere altro...alcune offese intercorse tra i due,.

(aggiornamento in corso)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro accoglienza, lite violenta tra stranieri: muore tunisino, preso killer

PerugiaToday è in caricamento