menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Polizzi, parte il processo: la sopravvissuta ammessa come parte civile

Non erano presenti in aula Valerio e Riccardo Menenti, accusati dell'omicidio di Alessandro Polizzi, alla prima udienza preliminare che si è svolta oggi - 18 dicembre - davanti al giudice Lidia Brutti. Ammesse tutti le parti civili

Come era stato preannunciato non è stato richiesto nessun rito alternativo e non erano presenti in aula questa mattina – 18 dicembre – Riccardo e Valerio Menenti per la prima udienza preliminare. Il padre e figlio accusati di essere stati gli esecutori materiali e i mandanti dell’omicidio di Alessandro Polizzi, il ragazzo di 24 anni ucciso nel marzo scorso in un appartamento al terzo piano di via Ettore Ricci, mentre stava dormendo con la fidanzata Julia Tosti, rimasta solamente ferita a una mano.

Ed è proprio durante l’udienza preliminare di questa mattina che è stato deciso dal giudice Lidia Brutti di ammettere come parti civili, sia Julia Tosti che i genitori di entrambe le famiglie che vissero il dramma di quella tragica notte. Sempre nell’udienza di oggi è stato chiesto il sequestro preventivo penale della casa in cui avvenne il delitto. Alla richiesta si è opposta la difesa, mentre il giudice comunicherà come procedere solo dopo le due e mezza.

I fatti - “Non volevo uccidere”, disse all’epoca lo stesso Menenti, ma secondo il pm Antonella Duchini, fu proprio lui a portare la pistola in quella casa di via Ettore Ricci, come testimoniano i risultati delle indagini svolti dalla scientifica.  L’omicidio avvenne nella notte tra il 25 e il 26 marzo scorso. Secondo la procura Riccardo Menenti, 54 anni e padre di Valerio, entrò dentro l’appartamento uccidendo con un colpo Alessandro Polizzi e ferendo a una mano Julia Tosti, ex fidanzata di Valerio. Dalle indagini l'omicidio sembrerebbe avere come movente dei dissapori sentimentali. Ma fu lo stesso Riccardo a raccontare davanti al magistrato e al capo della mobile delle continue aggressioni che il figlio era costretto a subire da Alessandro Polizzi. 

Gli avvocati – La famiglia Menenti è difesa dall'avvocato Francesco Mattiangeli. I Polizzi si sono affidati agli avvocati Giovanni Rondini e Nadia Trappolin, mentre la famiglia Tosti ai legali Luca Maori e Donatella Donati.  

AGGIORNAMENTO IN CORSO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento