Omicidio Polizzi, Appello-bis: pena ridotta per Valerio Menenti, ergastolo al padre Riccardo

Pena ridotta a 16 anni e sei mesi per Valerio Menenti, il giovane tatuatore di Ponte San Giovanni  considerato il mandante dell'omicidio di Alessandro Polizzi, assassinato in un appartamento di via Ricci

Pena ridotta a 16 anni e sei mesi per Valerio Menenti, il giovane tatuatore di Ponte San Giovanni  considerato il mandante dell'omicidio di Alessandro Polizzi, assassinato con un colpo di pistola in un appartamento di via Ricci nel marzo del 2013. Già in Appello il giovane era stato condannato a 18 anni di reclusione (contro i 27 anni pronunciati nella sentenza di primo grado). In Cassazione, però, la prima sezione della Suprema Corte aveva annullato con rinvio a Firenze la sentenza di condanna di Valerio. 

Omicidio Polizzi, Valerio Menenti esce dal carcere: è libero

Oggi, dopo un paio d'ore di camera di consiglio, la corte d'Assise d'Appello di Firenze ha ridotto la pena a 16 e mezzo per Menenti figlio. Ergastolo confermato anche nell'Appello - bis, invece, per il padre Riccardo. La procura generale aveva sollecitato per Valerio una condanna a 24 anni e la conferma dell'ergastolo per il padre. 

Omicidio Polizzi, colpo di scena in Cassazione: sentenza annullata per Valerio Menenti

"Per Valerio ci aspettavamo una assoluzione totale , mentre il padre lo ritenevamo meritevole delle attenuanti generiche. Attenderemo le motivazioni della sentenza per fare ricorso nuovamente per Cassazione, per entrambi" - commenta l'avvocato Francesco Mattiangeli, codifensore degli imputati insieme ai colleghi Manuela Lupo e Giuseppe Tiraboschi. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Dramma in via Canali, donna di 49 anni trovata morta in un parcheggio

  • Incidente lungo la E45, 23enne in gravissime condizioni: è in prognosi riservata

  • Perde il controllo del ciclomotore e finisce a terra, muore a 43 anni

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

Torna su
PerugiaToday è in caricamento