menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio a Montelaguardia, strangola la madre nel sonno: fissato l'interrogatorio del figlio

Luciano Naticchi, reo confesso per l'omicidio della madre Ofelia Tiburi, sarà interrogato domani mattina in carcere dal gip Carla Giangamboni. Ancora un mistero il movente

Quale movente abbia mosso la mente e le mani di Luciano Naticchi, reo confesso per l'omicidio della madre Oferlia Tiburi, è ancora un mistero.  



Restano infatti ancora da chiarire i contorni di un dramma familiare consumatosi al secondo piano di via della Ghiande 88 a Perugia, nella tranquilla frazione di Montelaguardia. Intanto è stato fissato per domani 15 marzo, alle ore 9.30, l'interrogatorio di garanzia a carico dell'indagato che si svolgerà in carcere dinanzi al gip Carla Giangamboni e alla presenza del legale difensore, l'avvocato Francesco Falcinelli. 

Omicidio a Perugia, strangola la madre nel suo letto: il movente resta un mistero

Naticchi, ora in carcere con l'accusa di omicidio volontario, viveva in un appartamento nello stesso stabile della madre Ofelia, 79enne conosciuta e ben voluta nel paese, rimasta da un anno vedova del marito deceduto a causa di un infarto. E proprio per fare compagnia all'anziana madre che l'indagato era solito salire al secondo piano per dormire in una camera a fianco a quella della donna. Fino a quel tragico lunedì di marzo, quando l'ha strangolata, uccidendola, per poi confessare tutto ai carabinieri. Oggi sarà conferito l'incarico al medico legale Laura Paglicci Reattelli che nelle prossime ore eseguirà l'esame autoptico sul cadavere della 79enne.
 

VIDEO Omicidio a Montelaguardia, figlio strangola la madre: le immagini dell'arresto 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento