Omicidio a Gualdo: Ofelia già picchiata dal fidanzato, il taglierino comprato poco prima

Stanno emergendo nuovi terribili particolari dell'omicidio dell'8 marzo avvenuto in una stanzetta di un affittacamere a Gualdo Tadino. Omicidio premeditato, già violenze subite in passato e quella foto di Ofelia morente inviata in Romania

Il taglierino utilizzato per sgozzare la povera Ofelia - 28 anni - in una stanzetta di un affittacamere a Gualdo Tadino, era stato comprato dal fidanzato Daniel Bardu pochi giorni prima in un negozio del posto, subito dopo il suo ritorno dall'Inghilterra dove aveva trovato lavoro come muratore-carpentiere. Il sospetto degli inquirenti - indagano i Carabinieri di Gualdo e Gubbio - è che avesse premeditato l'omicidio o per lo meno era intenzionato a far cedere con la forza la giovane proprio sotto la minaccia della "lama". Infatti, Ofelia al telefono e tramite Fb aveva spiegato di non essere interessata di trasferirsi  in Inghilterra, lasciando qui la famiglia e il suo lavoro di badante presso una famiglia gualdese. 

All'ennesimo rifiuto avvenuto durante il confronto nella camera - Daniel che aveva affittato da alcuni giorni - Daniele ha tirato fuori il taglierino ed ha sferrato un colpo mortale alla gola. La morte è avvenuta in pochi minuti. A questo punto però si apre un nuovo capitolo, dai toni anche macabri, che gli inquirenti stanno analizzando: l'assassino avrebbe inviato una foto dell'omicidio ad un parente - una sorella sembrerebbe - in Romania. Quest'ultima allarmata avrebbe contattato il fratello di Ofelia - grande amico e compagno di lavoro di Daniel - che di corsa si è recato nell'affittacamere. Da lì la scoperta della morte della ragazza e il tentato omicidio del killer che puoi è stato salvato e si trova piantonato all'Ospedale di Branca. 

I Carabinieri stanno visionando e analizzando tutti i supporti tecnici ritrovati nella camera: dai telefonini al computer. Forse la foto sarebbe stata inviata tramite skype. Ma è difficile capire il contenuto e gli allegati di quei messaggi dell'8 marzo. Dovrebbe essere sentito a breve in Romania anche i famigliari di Daniel per fare luce su quel presunto invio della foto della ragazza moribonda. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rapporto sentimentale tra Daniel e Ofelia era orma finito e si parla - secondo alcune amiche romene della giovane - anche di alcune violenze subite dalla donna che sarebbe ricorsa anche alle cure mediche. In particolari, da quanto appreso a Gualdo Tadino da Perugiatoday.it , "le botte" sarebbero state registrate in ben due casi. Anche per questi motivi Ofelia non voleva seguire in un altro Paese quel fidanzato che conosceva fin da bambina e che frequentava i suoi fratelli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento