menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragico incidente, morì maresciallo dei carabinieri: conducente sotto accusa per omicidio colposo

Il 28 gennaio del 2014 il drammatico incidente in cui perse la vita il maresciallo Daniele Casini. L'imputato, che per l'accusa guidò a una velocità non moderata nonostante il ghiaccio, chiede di patteggiare

Stava andando al lavoro quella tragica mattina del 28 gennaio 2014, quando un incidente d'auto a Città di Castello spezzò la vita del maresciallo Daniele Casini, comandante della stazione dei carabinieri di Citerna. Uno scontro fatale con un'altra auto che non lasciò speranze al militare, deceduto sul colpo a causa dell'impatto che gli provò "lesioni traumatiche della base cranica". L'incidente avvenne lungo la strada provinciale SP 221 direzione Città di Castello - Piosina ed ora, per il conducente, pende una richiesta di rinvio a giudizio.

Secondo il capo d'imputazione formulato dal pubblico ministero Giuseppe Petrazzini l'imputato, alla guida di una Ford, invadeva - in ragione della velocità non moderata in considerazione della presenza di ghiaccio sul manto stradale - la semicarreggiata opposta a quella di pertinenza, così da impattare contro la Peugeot guidata dal militare che procedeva in direzione opposta. L'impatto provocò la fuoriuscita dell'auto dalla sede stradale e il decesso di Casini. Intanto la difesa (avvocato Eugenio Zaganelli) ha chiesto di patteggiare. La prossima udienza dinanzi al giudice è stata fissata al 13 febbraio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento