menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condannato al massimo della pena l'uomo che uccise e mise in uno scatolone la moglie

E' stato condannato a trenta anni di reclusione Giovanni Miceli, l'uomo che uccise, nel giugno di quest'anno, la moglie con un paletto di ferro e poi nascose il corpo in uno scatolone gettato poi a bordo strada

È arrivata alle cinque di questo pomeriggio – 11 dicembre - la sentenza che ha condannato Giovanni Miceli a trenta di reclusione. L’uomo, giudicato con il rito abbreviato, si era detto colpevole sin dall’inizio, volendo però far credere di non esser capace di intendere e volere quando massacrò Olga Dunini con un palo di ferro nel giugno di quest’anno. Riconosciuti invece 70mila euro di risarcimento ai figli della vittima e 40mila euro al nipote, difesi dall’avvocato Nicodemo Gentili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento