menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Genio e creatività", l'omaggio di Città di Castello all'imprenditore scomparso: "La sua azienda un modello anti-crisi"

la famiglia ha voluto scrivere un libro e i proventi delle vendite andranno al reparto di Nefrologia dell'ospedale di Perugia

Città di Castello ha ricordato con una manifestazione pubblica che si è svolta al Circolo degli Illuminati, l'imprenditore tifernate Carlo Bianchini, prematuramente scomparso nell'estate del 2016. 

Una grande storia di pionerie nel campo degli infissi e serramenti. Presenti oltre 300 invitati, è stata tratteggiata dal vescovo di Città di Castello Cancian, dai sindaci di Città di Castello e Umbertide e dall'onorevole Giulietti, dall'assessore regionale Fernanda Cecchini, la figura umana ed imprenditoriale di Carlo Bianchini,che ha innovato il mondo dell'edilizia. 

La moglie Patrizia, i figli Lorenza e Carlo Junior hanno voluto dedicare al loro congiunto un libro (Genialità e creatività nell'imprenditore Carlo Bianchini, a cura di Salvatore Pezzella) che ripercorre le tappe di una travolgente carriera imprenditoriale. Il ricavato della vendita del libro è stato destinato alla struttta di Nefrologia del Santa Maria della Misericordia di Perugia, rappresentata dal dottor Emidio Nunzi, anche lui commosso come tutti quelli che hanno ricordato Bianchini, in una serata che ha visto riunito il mondo delle isitituzioni, dell'imprenditoria tifernate e perugina.

"Quando Patrizia qui ricorda il marito Carlo, la loro lunga storia d'amore, mi dice sempre: Abbiamo vissuto 15.021 giorni in perfetta sintonoa", ha ricordato sua eccellezza Cancian, strappando un applauso commosso di quanti hanno partecipato all'evento. E la figlia Lorenza ha detto: "Seppur in tempo di crisi, la nostra azienda, che ha 55 dipendenti e decine di venditori sul territorio nazionale è tutt'altro che in crisi. Siceramente, dobbiamo fare i doppi turni per evadere gli ordini. "E di questo successo vogliamo darne esclusivo merito a mio padre, che ci ha lasciato in eredità un patrimonio culturale e imprenditoriale di grande valore". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento