Cronaca

"Oltre 110 casi riscontrati ma non lo dicono": gli sciacalli del terrore fanno girare in Umbria un audio falso

Accade in Umbria ai tempi del Coronavirus. Notizie false e allarmanti: scatta l'indagine


Un file audio sta diffondendo notizie false che stanno provocando il panico tra una parte della popolazione dell'Umbria già fortemente provata dall'emergenza per il coronavirus. Il file audio è incentrato su un falso bollettino medico diramato dalle autorità sanitarie in particolare da quelle del ternano.  Immediata la smentita delle autorità: non è vero che ci sono 110 casi positivi nella circoscrizione “Ferriera” di Terni; non è vero che la situazione nella città di Terni è più grave che in altre parti della regione Umbria. 

"E’ sempre inopportuno e grave - scrivono dall'Asl 2 - e lo è ancor di più in questa delicata fase di gestione dell’emergenza, diffondere false notizie che producono disorientamento e allarme tra la popolazione che invitiamo a diffidare di messaggi incontrollati di questo tenore diffusi tramite social media. Fondamentale, per avere una corretta informazione, verificare l’autorevolezza delle fonti e delle notizie che sono riportate ufficialmente nei siti web delle istituzioni nazionale e regionale e delle quattro aziende sanitarie dell’Umbria e correttamente diffuse da professionisti tramite gli organi di informazione e le testate giornalistiche".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Oltre 110 casi riscontrati ma non lo dicono": gli sciacalli del terrore fanno girare in Umbria un audio falso

PerugiaToday è in caricamento