menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vertenza Okcom e Telecom, iniziati distacchi linea nelle aziende e famiglie

Appello ulteriore dei sindacati Cgil e Cisl per trovare un accordo prima che saltino i 20mila abbonamenti, che si blocchino aziende e sessanta lavoratori diventino disoccupati

Aziende senza internet per le commesse e gli ordini. La maggior parte a Perugia e provincia. Famiglie senza neanche la linea telefonica attiva per fare persino le chiamate di emergenza. E una sessantina di dipendenti che rischiano il licenziamento immediato. Si fa sempre più drammatica e complessa la vicenda della vertenza di Okcom di Sant'Andrea delle Fratte con Telecom italia che sta progressivamente staccando la linea su cui opera l'azienda di telecomunicazioni perugina. Ventimila utenze sono a rischio, ma anche quelle che un tempo erano abbonate e poi sono trasmigrate, secondo i sindacati potrebbero essere staccate.

"Al momento tutti i clienti di Okcom risultano bloccati dai sistemi e, di fatto, è loro impedita anche l'eventuale volontà di trasmigrare ad altro operatore di tlc" hanno spiegato Cgil e Cisl - "La proprietà di Okcom ha già annunciato, nel caso di un definitivo default dell'attività, la previsione dei licenziamenti collettivi per i propri dipendenti (circa 60), rifiutando pregiudizialmente qualsiasi ipotesi di tutela".

Da qui l'appello, sia ad Okcom che a Telecom Italia, all'osservanza del principio di responsabilità sociale delle imprese definito dall'art.41 della Costituzione e a trovare un accordo immediato tra le due aziende per evitare disservizi e ulteriori disoccupazione in questa fase drammatica per l'Umbria. Un appello che ad oggi sembra non essere preso in considerazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento