menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fa paura il mondo sommerso delle droghe "sconosciute": "Le conseguenze sono imprevedibili"

Allerta massima per le sostanze che si acquistano su internet e non rientrano in nessuna tabella delle droghe conosciute. "A Perugia la situazione è sotto controllo, ma bisogna fare attenzione ai comportamenti dei giovani"

Si abbassa l'età di chi fa uso di sostanze stupefacenti. E chi si rivolge al Sert (strutture e servizi per la cura delle tossicodipendenze), su segnalazione del Tribunale dei Minori o della famiglia, ha anche 15 anni. La fascia adolescenziale è forse quella a più rischio in fatto di nuove mode sul mondo della droga. Nonostante a Perugia il fenomeno legato all'uso di sostanze si sia ridotto grazie al contrasto e alla repressione delle forze dell'ordine che hanno decimato "eserciti" di pusher, ripulendo le principali piazze dello spaccio, da qualche anno a questo parte sta prendendo piede anche un nuovo volto legato all'assunzione di sostanze da sballo. Sono quelle che si possono acquistate su internet, quindi previe di specifiche caratteristiche ricollocabili alle cosiddette droghe conosciute. Nascoste nell'invisibile universo di internet, nel "dark site", si possono comprare senza troppe difficoltà, ma le conseguenze sono spesso imprevedibili. Non è un fenomeno che desta particolare preoccupazione a Perugia, ma il fatto che questo tipo di sostanze giacciano nel sommerso (ovvero non risultano positive alle analisi, nè la gente stessa è consapevole di ciò che sta acquistando) pone comunque l'attenzione su quei comportamenti diversi da chi assume le droghe "conosciute". 

"L'aumento delle nuove droghe è un fenomeno esteso agli ultimi dieci, quindici anni - spiega la dottoressa Claudia Covino, responsabile del Sert di Perugia. Ad esempio l'hashish che, rispetto al passato, è molto modificato. L'effetto ora è molto aumentato, anche di quattro cinque volte. Ci sono poi tutta una serie di sostanze che sfuggono alle analisi, non sono inserite nelle tabelle dei farmaci stupefacenti, perchè sono prodotte via via e non solo danno una sintomatologia acuta e diversa, come una febbre alta o una situazione delirante, ma non è possibile vederle con le analisi di cui disponiamo". 

"In genere sono sostanze prodotte in laboratorio, nè troppo conosciute e che si possono ordinare su internet. Spesso le persone non sanno letteralmente cosa usano e non sanno cosa ordinano ed è quindi difficile, se stanno male, capire cosa abbiano assunto. Ormai è un fenomeno diffuso in tutto il mondo".

"A Perugia - continua la responsabile del Sert, da una parte c'è un afflusso di adolescenti, fra i 15 e i 25 anni, che in passato non esisteva, che si rivolge a noi. Inoltre, l'assuntore di sostanze che si rivolge al servizio del sert, si approccia un pò a tutto, usando contemporaneamente di tutto, e insieme. Alcol, che apre la strada alla cocaina, che apre la strada al gioco d'azzardo. Possono consumare cocaina, cannabis, eroina, ma l'acol resta, a mio avviso, il fenomeno più preoccupante nei giovani. Non è una novità, ma sta diventando una tendenza. Non è detto che poi da grandi debbano diventare tossicodipendenti, nè tantomeno tutti i giovani sono così. E' una piccola percentuale, ma che va presa in considerazione anche per un recupero tempestivo". "Sulla droga ci sono le mode, ma abbiamo in genere una percentuale di persone che usano di tutto: psicofarmaci, gioco d'azzardo, cannabinoidi, eroina (che ogni tanto ha dei ritorni) e poi cocaina. Infine c'è il fenomeno delle droghe che non sono mai state chiarite. Il tipo di disturbi non sono quelli classici e capitano più facilmente ai pronto soccorso, che non nei nostri servizi".

C'è un allarme di queste nuove droghe a Perugia? "Non parlerei di vero e proprio allarme. Di sicuro non è facile individuarle, nè capirne il tipo di pericolo in quanto, appunto, non sono classificabili nell'ordinario. Sicuramente possono avere effetti devastanti dal punto di vista psichico, quindi c'è da prestare massima attenzione ai comportamenti dei nostri ragazzi e capire se ci possano essere atteggiamenti fuori dall'ordinario e che sfuggano alle sintomatologie più comuni delle assunzioni di droghe". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Linfoma di Hodgkin, nuova terapia di precisione contro il tumore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento