Alpinisti sorpresi dal buio sul Vettore, arriva l'elicottero dell'Aeronautica

Internevento nella notte degli esperti del Sasu trasportati dal mezzo militare fino a Forca Viola

Sorpresi dal buio sul Vettore, due alpinisti sono rimasti bloccati nei pressi di Forca Viola. Per soccorrerli, gli esperti del Soccorso alpino speleologico dell'Umbria sono saliti a bordo di un elicottero dell'Aeronautica dotato di visori notturni.

Le operazioni di soccorso sono scattate nella tarda serata di venerdì 28 febbraio. Sul posto anche i carabinieri di Norcia.

L'intervento ha visto in azione il Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU), sul Monte Vettore, nella zona in prossimità di Forca Viola, all’interno dell’omonimo canalone, per il recupero di due alpinisti della provincia di Forlì Cesena, di cui uno scivolato a causa del ghiaccio per circa 100 metri nel canalone, che ha riportato un politrauma e principio di congelamento.

Allertato dai Carabinieri di Norcia alle 22, il Soccorso Alpino e Speleologico Umbria ha inviato tre squadre provenienti da Spoleto e Terni composte da tecnici e sanitari ed ha richiesto il supporto dell’elicottero dotato di visori notturni dell’Aeronautica Militare di base a Cervia.

Mentre una parte dei soccorritori equipaggiata con assetto alpinistico, piccozze e ramponi, risaliva il Monte Vettore per raggiungere quota 2000 metri, l’altra veniva imbarcata sull’elicottero.

L’elicottero militare si è immediatamente alzato in volo dalla base militare di Cervia – sede dell’83° Centro SAR (Search and Rescue) del 15° Stormo – ed ha raggiunto l’impervia zona montana dove si trovavano i due escursionisti in stato di ipotermia.

In stretta collaborazione con gli uomini del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico dell’Umbria e grazie all’uso dei visori NVG (night vision goggles), gli apparati per visione notturna in dotazione, l’equipaggio ha recuperato i due escursionisti e li ha trasferiti presso l’ospedale di Perugia.

Il soccorso notturno è stato coordinato dall’Italian Air Operation Centre (IT-AOC), del Comando delle Operazioni Aeree che ha la responsabilità di supervisionare, coordinare e approvare le attività di volo operativo quotidiane per tutte le forze armate e corpi armati dello stato.

Raggiunto il punto dove si trovavano i due alpinisti, l’elicottero, dopo avere effettuato manovre in overing, li ha recuperati e trasportati all’ospedale di Perugia. All’infortunato ed il suo compagno sono stati applicati presidi per contrastare l’ipotermia e sono stati costantemente monitorati dai sanitari del SASU.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

Torna su
PerugiaToday è in caricamento