Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

E' la volta buona? Anche Perugia dice sì al nuovo "Nodino" anti-traffico: respira il Ponte anche con il raddoppio delle rampe

Regione e Anas sostengono a spada tratta l'opera finanziata. I dati, le modifiche e la parola del Governo sul secondo stralcio Madonna del Piano-Corciano

I soldi ci sono, le modifiche pure, piena sintonia Regione-Anas e ora arriva anche il primo "sì" da Palazzo dei Priori, in commissione, per dare il via definitivo al nodino di Perugia e al progettare il raddoppio della rampa dello svincolo di Ponte San Giovanni. Centrodestra più civici compatti sul via libera, mentre il centro sinistra più i 5 Stelle sono usciti dall'aula perchè chiedevano ulteriori tavoli di ascolto sul progetto, in particolare con il comitato Sciogliamo il Nodo, fortemente contrario al progetto in questione.

Una opera che risponde ad una doppia esigenza: velocizzare il traffico sulla E45 e allo stesso tempo alleggerire quello in ingresso a Perugia, facendo respirare aria nuova Ponte San Giovanni. Nella relazione in commissione si evince che il “nodino” (ossia del primo stralcio) è per complessivi 7km, di cui 2 in galleria; il ponte sul Tevere sarà di 500 metri. Previsioni di benefici sul traffico: un dato su tutti, dagli studi emerge cche su un traffico pesante di circa 3800 veicoli provenienti da Orte, ben 2800 passeranno per il “nodino”.

Da anni ormai il tratto della E45 che porta al Raccordo è diventato quotidianamente difficile e basta un incidente a bloccare sia la viabilità interna che quelle esterna lungo l'asse Collestrada-Ponte San Giovanni. La Giunta regionale, a riguardo del progetto, ha spiegato che il "nodo" è stato nel tempo notevolmente migliorato anche sotto il profilo ambientale così da superare tutte le critiche, "oggi destituite di fondamento". L’obiettivo di questa azione, su cui la regione crede fermamente, è di far sì che vengano definitivamente risolti i problemi dell’area tramite la realizzazione non solo del primo stralcio del nodo (il cosiddetto “nodino”), ma anche del secondo stralcio (madonna del Piano-Corciano) e del raddoppio delle rampe di Ponte San Giovanni.

"Oggi si è arrivati ad un punto di svolta ed occorre partire per non perdere l’occasione": è stato ribadito in commissione dai vertici regionali che vogliono chiudere la partita per evitare di perdere le risorse in gran parte stanziate. Un appello alla velocità che è stato subito fatto proprio dalla maggioranza che sostiene Andrea Romizi mentre il centrosinistra ha ribadito la necessità di nuova riunioni con il comitato contro il nodo per sentire la loro voce anche sulle modifiche apportate. A questo punto tutto fa pensare che a luglio 2022 sarò consegnato il progetto definitivo del primo stralcio.

Per evitare un'opera incompiuta Regione-Governo hanno trovato un accordo formale per salvare il secondo stralcio: c'è la presa di posizione del governo nazionale di inserire l’opera verrà direttamente nel Def (documento di economia e finanza) così da liberare la realizzazione anche del secondo stralcio. Ultimo punto: l’ampliamento delle rampe di Ponte San Giovanni. I rappresentanti di Anas hanno di fatto confermato che il raddoppio delle rampe è già completamente finanziato così come la progettualità relativa al primo stralcio del nodo. E, cosa più importante, sarebbe compatibile con le richieste dei ponteggiani in chiave di sicurezza stradale.

Andando in conclusione: potrebbe essere la volta buona per arginare in parte i problemi di traffico di Perugia, dopo quasi 15 anni di attese e dibattiti. Il nodino e la doppia rampa di Ponte San Giovanni sono finanziati e il progetto definitivo sarà deliberato entro l'estate. Sul secondo stralcio - che trasformerà il nodino in NODO - c'è la volontà di approvazione immediata per evitare che, con cambi di governo futuri, venga sepolto e affossato. Gli elementi ci sono tutti ma occhio ai ricorsi e contro-ricorsi. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' la volta buona? Anche Perugia dice sì al nuovo "Nodino" anti-traffico: respira il Ponte anche con il raddoppio delle rampe
PerugiaToday è in caricamento