ANGOLO DEL DONCA. Tra i santi inventati dai perugini il primo è San Baccello… da cui tutti discendiamo

Tra i santi inventati dai perugini il primo è San Baccello… da cui tutti discendiamo. Il baccello (in perugino esiste la variante scempia “bacello”) è il contenitore della fava e non è un caso che questo santo primigenio venga definito “l babo de tutti”, seguendo l’evidente metafora. L’eteronimo popolare è quello di “San Fava”, evidente personificazione e ironica santificazione del membro virile, come spiego nel mio breviario laico perugino. Specie nel mondo agricolo, il santo era considerato simbolo di potenza e fertilità, portato come amuleto ed elemento apotropaico, contro invidia, malocchio e danni al raccolto. 

La collezione di amuleti Giuseppe Bellucci al Manu (Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria) offre un ampio repertorio di oggetti di questo tipo, nei più vari materiali. La collezione è stata magistralmente studiata e pubblicata dall’amico antropologo Giancarlo Baronti. D’altronde, l’uso ricordato si pone in linea di continuità con la tradizione etrusco-romana di utilizzare cippi fallici confinari, ricorrendo al fallo priapesco in chiave antijettatoria. Nel mondo greco, con scopo analogo, si celebravano le “falloforie/fallagogie” (in onore di Priapo e Dioniso), ossia processioni propiziatorie con simulacri fallici in legno, portati a spalla dalle sole donne. Uso documentato anche nel foggiano-tarantino nel v secolo a.C. e raffigurato in una kylix.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In metafora, San Baccello è richiamato in “bacarello” che sta scherzosamente per “piccolo membro” e nel lemma “bacaderio”, indicante il sesso femminile. Ricordo che quando, da bambino, la mia mamma mi lavava le parti intime, lo chiamava “bachino” per la somiglianza con un verme, baco o lombrico. Al femminile, “bachina” sta, spregiativamente, per “donna pettegola, chiacchierona, rumorosa” e anche per “finto religiosa/chiesaiola”. In ambiente rurale ho anche sentito “lumachina” e “bringolo”, con evidente richiamo al grosso spaghetto, fatto a mano, impastato con acqua e farina. A Lisciano Niccone, al confine con la Toscana, esiste la “Sagra dei Bringoli” che celebra questo piatto della tradizione culinaria contadina.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento