menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La prevenzione funziona, nessun ricovero per il caldo nella domenica più afosa di agosto

Operatori sanitari sempre pronti: solo tre casi leggeri per il piano dell'emergenza del Santa Maria della Misericordia. La media settimanale del Pronto soccorso è di 160 accessi, in genere per traumi e dolori addominali e toracici

La domenica più calda di questo agosto 2019 (almeno secondo le previsioni meteorologiche) non ha registrato alcun picco di ricoveri al Santa Maria della Misericordia dove era stato approntato un piano per l’eventuale emergenza.

La giornata di ieri, quindi, è trascorsa senza particolari picchi di attività assistenziale dell’ospedale di Perugia, come riferisce una nota dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria della Misericordia, in riferimento al piano di prevenzione attuato dagli enti preposti che permette un afflusso costante di pazienti in ospedale anche per patologie non afferenti al caldo.

La conferma arriva anche dal numero di posti letto liberi nella struttura Osservazione breve intensiva (Obi) del Pronto soccorso: 4 posti su una dotazione di 10.

“Nella settimana appena trascorsa, i casi da sincope da calore sono stati tre - riferisce Andrea Ceccagnoli del servizio infermieristico del Pronto Soccorso di Perugia - di cui due codici verdi, riguardanti pazienti di 12 e 38 anni ed un codice giallo assegnato ad un paziente di 79 anni. Tutti e tre i casi si sono risulti con una osservazione in ospedale di un giorno”.

Sempre nell’ultima settimana si è registrato un accesso medio in Pronto soccorso di 160 pazienti, di cui 23 con codice bianco, 107 con codice verde, 21 in codice giallo e 3 con codice rosso della massima gravità. Di questi poco più della metà sono stati ricoverati ed assegnati ai diversi reparti; il picco maggiore degli utenti ha riguardato le fasce di età tra i 15 e 45 anni e tra 75 e 84 anni.

La prevalenza dei ricoveri ha riguardato eventi traumatici, a seguire dolore addominale, dolore toracico, difficoltà respiratorie, disturbi otorino ed infine disturbi neurologici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento