Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Dall'Umbria in zona gialla alle due ipotesi di lockdown rosso... Natale 2020: discussione tra Stato e Regioni

L'Umbria al tavolo del confronto con il governo sui nuovi divieti per Natale e Capodanno

Per le feste di Natale e Capodanno si vuole tornare per forza all'antico, alle decisioni modello prima ondata di Coronavirus: decisioni restrittive non su base territoriale ma uguali per tutti a livello nazionale. E tutto questo nonostante le famose zone gialle, arancioni e rosse hanno funzionato bene sia a livello di pandemia che di piccola salvaguardia per l'economia locale.

Le Regioni, tra cui anche l'Umbria, hanno sul tavolo un doppio dossier di ipotesi di ulteriori drammatiche normative sulla libertà individuale in vista del periodo delle feste. Il comitato scientifico e i ministri del Pd sono spaventati da una terza ondata alimentata, si ipotizza, da comportamenti non consoni nei giorni di festa e chiedono la linea durissima, fedeli al modello tedesco. Dall'altra parte il Premier Conte con la maggior parte delle Regioni che, pur temendo la terza ondata, vogliono limitare le nuove restrizioni e imporle solo in alcuni giorni. Tra stasera e domani il quadro sarà chiaro con il solito di Dpcm delle feste. Ma quali sono i due scenari che andranno a stravolgere la vita dei cittadini e dei lavoratori dal 21 dicembre al 6 gennaio? I rumors che arrivano dal Palazzo regionale sono questi. 

SCENARIO 1: LOCKDOWN MORBIDO

E' quello che si basa sul modello tedesco, sponsorizzato dai vertici del Pd e dai ministri Speranza-Franceschini-Boccia: dal 24, 25, 26, 27-31 dicembre e 1-2-3-4-5-6 gennaio 2021  scatterebbe in Umbria come nel resto del Paese la zona rossa: divieto di spostamento anche all'interno del comune, se non per motivi di lavoro e per fare acquisti, chiusura di ristoranti, pizzerie e bar. Restano aperti alimentari, tabacchi ed edicole. Si ipotizza un inasprimento del coprifuoco: dalle 21 invece che alle 22 e fino alle 6 della mattina invece che alle 5. Mentre nei giorni 28-29-30 dicembre si applicano le regole delle zone gialle.

SCENARIO 2: 5 GIORNI DA ZONA ROSSA 

E' il modello di mediazione che vorrebbe sia il Premier Conte che regioni come l'Umbria dove la curva dei contagi è in flessione ormai da oltre 24 giorni. Cosa prevede? L'Umbria come tutta l'Italia finisce in zona rossa  solo il 24-25-26-31-dicembre e 1 gennaio. Negozi e ristoranti chiusi. Divieto di muoversi anche all'interno del comune. Niente ospiti (ma su consiglio e non per legge) nelle abitazioni. Nel resto dei giorni c'è il passaggio dalla zona gialla attuale alle restrizioni tipice della zona arancione: coprifuoco dalle 22 alle 5 della mattina. bar e ristoranti aperti solo per asporto, centri commerciali chiusi nei festivi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'Umbria in zona gialla alle due ipotesi di lockdown rosso... Natale 2020: discussione tra Stato e Regioni

PerugiaToday è in caricamento