Cronaca

Eccesso di velocità per gli incidenti e sosta vietata in città, ma anche cani senza guinzaglio e troppi piccioni

I numeri della Polizia municipale di Perugia: 802 gli incidenti rilevati e oltre 4mila le multe, comprese quelle a chi dà da mangiare ai volatili

Cani senza guinzaglio, deiezioni dei piccioni, odori molesti, sosta sulle aree verdi, ma anche 802 incidenti stradali. L'attività della Polizia municipale di Perugia nel 2020 è stata cospicua e resa difficoltosa dall'emergenza sanitaria da Covid-19.

Il bilancio del corpo di polizia del Comune di Perugia è stato presentato ai componenti della V Commissione consiliare controllo e garanzia, presieduta dal consigliere Mattioni, dalla vice comandante Antonella Vitali.

Tra i servizi svolti ci sono i rilievi in 802 incidenti stradali rilevati, oltre 10mila interventi gestiti dalla centrale operativa, quasi 1.400 atti di polizia giudiziaria, 884 ordinanze temporanee sulla circolazione e 53 permanenti, 126 trattamenti sanitari obbligatori eseguiti.

Le statistiche sugli 802 incidenti rilevanti evidenziano, inoltre, che la causa principale degli stessi è l'eccesso di velocità con 119 casi, mentre per quanto riguarda le violazioni al codice della strada, spiccano le sanzioni relative alla circolazione nei centri abitati con oltre 28mila casi, poi violazione della segnaletica con 4.738 casi.

Altre violazioni che hanno visto l’intervento della Polizia locale hanno riguardato l’accensione di fuochi, su segnalazione, i rumori molesti, legati a lavorazioni fuori dall’orario consentito o anche all’attività di pubblici esercizi.

Altri interventi hanno riguardato, quindi, cani non condotti al guinzaglio (5 violazioni), emanazioni odorigene di disturbo provenienti da appartamenti, le violazioni relative al parcheggio di auto su aiuole e aree verdi, l’alimentazione dei piccioni, problema quest’ultimo particolarmente sentito.

"La Polizia locale ha lavorato, in questo ultimo anno, in piena emergenza pandemica, con difficoltà operative e di carenza di personale di cui siamo consapevoli -  ha detto l’assessore alla Sicurezza Merli - Ciò nonostante, gli agenti non si sono sottratti a tutti i controlli straordinari che sono stati richiesti sia dalle norme anti Covid sia dalla sicurezza di alcune aree della città come Fontivegge". L’assessore ha anche annunciato che nei prossimi giorni riprenderà il concorso per l’assunzione di ulteriore personale che era stato sospeso a fine 2020.

Il capogruppo Vignaroli ha evidenziato il problema dei piccioni: “Spero che l’amministrazione possa intervenire presto per risolvere la situazione - ha detto - perché non si tratta solo di un problema di decoro o di salvaguardia dei monumenti, ma anche per la salute pubblica".

Vignaroli ha ringraziato la Polizia locale anche per l’attenzione alla Fontana Maggiore, contro le violazioni che riguardano il monumento simbolo della città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eccesso di velocità per gli incidenti e sosta vietata in città, ma anche cani senza guinzaglio e troppi piccioni

PerugiaToday è in caricamento