menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calcio violento, dare dello "juventino" all'arbitro è un'offesa: multata la società per i cori dei tifosi

Lanciano palloni in campo per ritardare la ripresa del gioco, stangata per la squadra di casa

Arbitri e ancora arbitri nel mirino di dirigenti, giocatori e tifosi. Offese, minacce, insulti. È sempre ricco il campionario di ingiurie e aggressioni verbali a carico dei direttori di gara nei campi da calcio dell’Umbria. Comportamenti che vengono, immancabilmente, sanzionati dal giudice sportivo Marco Brusco.

In Prima categoria è stata multata la società Atletico Gualdo Fossato “perché dopo l’assegnazione di un calcio di rigore a favore della squadra avversaria per tutto il secondo tempo numerosi sostenitori di detta società rivolgevano al direttore di gara numerose ingiurie e minacce. Inoltre nel corso degli ultimi minuti di gara venivano lanciati nel terreno di giuoco due palloni con l’intento di ritardare la ripresa del giuoco”. Sempre per la stessa partita sono state inflitte quattro giornate ad un calciatore “perché dalla panchina entrava nel terreno di giuoco ed avvicinatosi al direttore di gara rivolgeva allo stesso ingiurie e minacce che reiterava anche al termine della gara”.

Nel campionato Under 15 regionale A1 è stata inflitta una multa di 150 euro alla Pontevecchio srl “perché, al rientro in campo dopo l’intervallo tra il 1º e 2º tempo, persona riconducibile alla società ospitante si avvicinava alla rete di recinzione parallela alla linea di fondo e minacciava l’arbitro. Durante la gara, lo stesso individuo minacciava nuovamente il direttore di gara ed, altresì, l’offendeva”.

Ammenda di 120 euro al Castel del Piano 1966 “perché per buona parte della gara i tifosi di detta società offendevano reiteratamente il direttore di gara”.

Multa di 120 euro al Castiglion del Lago Asd “erché per buona parte della partita i tifosi di detta società offendevano reiteratamente il direttore di gara con frasi come: ‘Sei un fallito, sei uno juventino, non sai fare niente, ecc...’”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento