Multato per uso improprio del clacson in centro a Perugia: ecco cosa dice il codice della strada

I controlli su strada della Guardia di Finanza in questi giorni hanno prodotto altri verbali: 10 contravvenzioni in totale

Uso improprio del clacson. Ecco la motivazione del verbale, redatto dalla Guardia di Finanza di Perugia, consegnato ad un automobilista perugino che, evidentemente, aveva abusato del richiamo acustico del mezzo mentre si trovava in una zona del centro storico. Ha violato l'articolo 156 del codice della strada.

La multa per uso inappropriato del clacson va da un minimo di 41 euro ad una massimo di 168 euro.  L’articolo del codice specifica che: il clacson deve essere usato con la massima moderazione il clacson va usato solamente ai fini della sicurezza stradale; la segnalazione tramite clacson deve essere la più breve possibile. Per “fini della sicurezza stradale” si intende un caso di effettivo e immediato pericolo, ad esempio il fine di evitare un incidente. Totalmente bandito nelle ore notturne: il clacson dovrà essere sostituito con l’uso dei proiettori di profondità a breve intermittenza, ma sempre e solo nel caso in cui sussista un pericolo.

L’unica eccezione consentita dell’uso dei segnalatori acustici, senza distinzione tra centro abitato o contesto extraurbano, riguarda il caso in cui si stia trasportando un ferito o un ammalato grave. Il codice della strada prevede in entrambi i casi solo una multa clacson monetaria mentre non verranno tolti punti dalla patente all’automobilista ne applicate sanzioni accessorie. Ma l'abuso del clacson addirittura puà sfociare in una pena più rilevante e con una multa ancora più salata: suonare ripetutamente durante le ore notturne e in centro abitato significa compiere il reato di disturbo delle occupazioni o del riposo di chi abita e si trova nelle vicinanze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo caso il rischio è dover pagare una penale di 309 euro e l’arresto fino a 3 mesi. I controlli su strada della Guardia di Finanza in questi giorni hanno prodotto altri verbali: 10 contravvenzioni in totale per via della scoperta di autoveicoli con targhe straniere condotte da persone residenti in Italia da più di 60 giorni; passaggio con il rosso; mancata revisione, mancato uso delle cinture di sicurezza; circolazione del mezzo già gravato da fermo amministrativo).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento