rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca

Interessi e costi illegali, imprenditore batte la banca e pignora la cassa della filiale

L'istituto di credito si salva all'ultimo momento con un assegno circolare con la somma disposta dal giudice in sentenza

Un imprenditore batte la banca e ottiene il pignoramento di quanto ha in cassa la filiale a garanzia della somma assegnata dal giudice.

L’imprenditore, assistito dall’avvocato Daniele Fantini, ha citato in tribunale la banca “per violazione delle disposizioni in tema di usura, per anatocismo, per applicazione abnorme della commissione di massimo scoperto, per spese non dovute, nonché per indebita variazione dei tassi di interesse in maniera unilaterale e non concordata”.

A fronte di queste contestazioni, l’imprenditore aveva avanzato una richiesta di rimborso di 221.592,68 euro. Fallita la mediazione le parti erano andate davanti al giudice e a colpi di documenti, eccezioni, consulenze tecniche, primo grado e appello, la spuntava l’imprenditore con una sentenza che gli assegnava 132.353,03 euro di risarcimento, con la somma che tra interessi e spese arriva a 165mila euro.

La banca non pagava e faceva ricorso per Cassazione. La difesa dell’imprenditore, quindi, presentava una richiesta di precetto prima, e di pignoramento mobiliare poi. L’ufficiale giudiziario si è presentato presso la sede della banca e ha pignorato la cassa dell’istituto di credito.

Con l’ufficiale giudiziario in ufficio la banca ha tentato l’ultimo colpo: un assegno circolare dell’importo dovuto e pignoramento annullato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interessi e costi illegali, imprenditore batte la banca e pignora la cassa della filiale

PerugiaToday è in caricamento