menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ucciso dalla droga a 27 anni, amici in lacrime: "Non ti dimenticheremo mai"

Gli struggenti messaggi degli amici su Facebook per Andrea, il giovane trovato morto in un appartamento in via Pinturicchio

Due città scosse dal dolore per la fine di una giovane vita: la comunità di Civita Castellana  si stringe al dolore della famiglia e degli amici più intimi per la morte di Andrea Mecucci, ritrovato in un appartamento di via Pinturicchio mercoledì 6 luglio.

Sulla pagina Facebook della Società Volley Civita è stato aperto una pagina con l’hashtag#unricordoperandrea, per permettere a tutti di poter scrivere un messaggio di cordoglio alla famiglia del giovane prematuramente sconmparso.

Tanti i post pubblicati che in queste ore stanno riempendo la pagina facebook: amici, conoscenti che si stanno stringendo al dolore della famiglia in attesa dei funerali, che si terranno domenica 10 luglio alle 17 a Civita Castellana.

 Ed è così che si inizia a delineare con nitidezza il “profilo” di un ragazzo sportivo, studioso, ben voluto da tutti. Il sito della junior volley lo ricorda con queste parole: “Andrea era uno dei primi tifosi dei suoi colori cittadini: un ragazzo sempre sorridente, dedito alla famiglia e agli studi, quegli stessi studi che lo avevano portato a lasciare la sua amata cittadina per trasferirsi a Perugia e conseguire proprio di recente la laurea in giurisprudenza riempiendo d’orgoglio la famiglia. E poi era iniziata la prima esperienza di lavoro”. E ancora “La viva passione per la pallavolo che non aveva mai abbandonato in campo –  nell’ultima stagione come schiacciatore per la Grifo Volley Perugia –  e fuori, seguendo con il papà Paolo la sua Junior Volley approdata come un sogno in serie A2 nell’ultima stagione”.

Saluti e condoglianze dal mondo dello sport cittadino: anche il comitato regionale Fipav Lazio esprime parole di dolore per la tragica scomparsa di Andrea.

“Uniti per il difficile addio ad Andrea”, sono tante e struggenti le parole spese per questo giovane che avrebbe avuto ancora tutta la vita davanti a sè. Da vivere, da costruire, da progettare e che invece, forse complice una serata "incosciente" ha posto fine. Ora non rimane che tanta amarezza, dolore e vuoto per chi lo ha conosciuto, per chi ha giocato con Andrea questa partita con la vita durata troppo poco. “Ciao Andrea, ti ho conosciuto poco, ma ogni volta, con sorriso ed entusiasmo, c'erano consigli, suggerimenti e lo sprone ad andare avanti e divertirmi con la pallavolo senza trascurare studi ed il lavoro del domani. E queste cose le porterò sempre con me...".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento